Seguici su

Cerca nel sito

L’appello di Roberto Feola al Comune: “Una targa a Fregene per ricordare Mario Facco”

"Mario Facco contribuì allo scudetto del 1974, meriterebbe a due anni dalla sua morte un riconoscimento da parte del nostro comune"

Fiumicino – “Mario Facco era un giocatore della Lazio che contribuì allo scudetto del 1974, ma anche e soprattutto simbolo di un calcio che non esiste più e che era di esempio a tante generazioni di giovani appassionati, era ammirato anche da tifosi di altre squadre e meriterebbe a due anni dalla sua morte un riconoscimento da parte del nostro comune”. Lo dichiara in una nota stampa Roberto Feola, portavoce del circolo FdI-Patria e Libertà a Fiumicino.

Facco ha trascorso gli ultimi anni della sua vita a Fregene – prosegue Feola -, godendo del rispetto di tutti i cittadini della frazione del nostro comune, e quindi trovo giusto che quando una persona diventi un simbolo oltre la fede calcistica per la cittadinanza gli si debba rendere omaggio e uno dei migliori modi a mio avviso sarebbe quello di dedicargli una targa o un giardino a Fregene che era diventata la sua casa”.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Fiumicino