Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, un caso di Covid-19: chiuso ristorante e stabilimento balneare

Presso lo stabilimento balneare La Vela un caso di covid-19. Si tratta di un cittadino del Bangladesh impiegato nella cucina del ristorante

Ostia – Ispettori della Asl Roma 3 in visita nelle cucine dello stabilimento balneare “La vela” per un caso di positività al Covid-19 da parte di un dipendente. L’accertamento serve per valutare l’eventuale sospensione dell’attività di tutto l’impianto balneare e della quarantena del personale. Qui trovi tutto il dettaglio della vicenda.

L’ispezione è in corso mentre scriviamo presso le cucine dello stabilimento “La vela” che si trova in lungomare Amerigo Vespucci 120. Il cittadino trovato positivo al Covid-19 è un extracomunitario, originario del Bangladesh, che lavora come facchino e lavapiatti. L’infetto avrebbe contratto il virus da un connazionale con il quale divide l’appartamento dove abita.

Il ristorante è stato chiuso per consentire il processo di sanificazione. Appena diffusasi la notizia i bagnanti si sono allontanati dalla spiaggia e lo stabilimento si è svuotato.

L’arenile deserto allo stabilimento La Vela

Il comunicato della Regione Lazio

Questa la comunicazione ufficiale dell’Assessorato alla Sanità della Regione Lazio sulla vicenda: “La Asl Roma 3 ha disposto la chiusura di uno stabilimento balneare ad Ostia in attesa delle verifiche sui contatti di un caso positivo di nazionalità del Bangladesh. Si sta già svolgendo l’indagine epidemiologica da parte della Asl a partire dai dipendenti della struttura e dai contatti stretti dell’uomo che è stato posto in isolamento. Il caso indice sembra essere un coinquilino sempre di nazionalità del Bangladesh andato a Milano. Avviate le procedure del contact tracing nazionale“.