Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Anzio, offese e scritte ingiuriose contro la consigliera Giannino

Giannino: "La Polizia indagherà a 360 gradi, la Scientifica, giunta sul posto, farà il suo lavoro, ma io non mollerò per questo"

Anzio – Delle scritte offensive nei confronti del consigliere comunale del Pd Lina Giannino sono apparse durante la notte sui muri di Anzio.

Un risveglio spiacevole per la consigliera, che è stata vittima di insulti da parte di ignoti. Giannino si è recata in commissariato ad Anzio per sporgere denuncia.

“Il mio inizio come consigliera Pd, avvenne con un battesimo di fuoco ( quattro gomme della mia auto squarciate). Poi insulti da parte di gente di bassissimo livello sui media, per arrivare ad oggi con scritte diffamatorie dirette alla mia persona privata e non affrontandomi con un serio dibattito politico” scrive Lina Giannino sulla sua pagina Facebook.

“Questa è la politica di Anzio – continua -. Mai si era giunti ad un livello così basso e malavitoso di tutelare la Cosa Pubblica. Mai l’interesse privato ha fatto da padrone come oggi. La Polizia indagherà a 360 gradi, la Scientifica, giunta sul posto, farà il suo lavoro, ma io non mollerò per questo”.

“L’opposizione sarà ancora più dura – conclude -, e non ci saranno sconti per nessuno, la Città è di tutti i cittadini e non solo di un branco di approssimativi affaristi prestati ad un’ arte così nobile in cui io ho sempre creduto”.

Alternativa per Anzio e Brignone: “Massima solidarietà a Giannino”

“Esprimiamo la massima solidarietà alla consigliera Giannino per le vergognose scritte realizzate nella notte ai suoi danni”. Così in una nota stampa il Consigliere Luca Brignone e l’Associazione Alternativa per Anzio.

“Un gesto incommentabile – concludono -, che denota cattiveria, pochezza e disprezzo per la città. Ci auguriamo si possano individuare al più presto i responsabili”.

Bonafoni: “Ennesimo grave fatto che insiste sul litorale romano”

“Ci tengo ad esprimere la mia vicinanza e la mia solidarietà alla Consigliera del PD del Comune di Anzio, Lina Giannino, che già in passato era stata colpita da minacce e offese e che nella notte scorsa è stata nuovamente intimidita sui muri della città”. Così in una nota la Consigliera del Lazio Marta Bonafoni, Capogruppo della Lista Civica Zingaretti.

“Nelle ultime ore, la Consigliera aveva criticato la decisione di stanziare 140.000 euro da parte del Comune per gli eventi estivi, una cifra ritenuta troppo alta per il momento di crisi economica che stiamo vivendo. Dopo poche ore scritte ingiuriose sono state scoperte su vari muri della cittadina, con conseguente denuncia al Commissariato di Polizia, per ora contro ignoti”.

“Si tratta dell’ennesimo grave fatto che insiste sul litorale romano, eventi a danno degli amministratori e delle realtà locali, che si aggiungono alle tante vicende di natura criminale: una situazione che necessita di interventi in grado di reprimere tali condotte”.

“L’auspicio  – conclude Bonafoni – è che gli inquirenti facciano chiarezza su questa vicenda poiché atti di tale stampo non vengano più ripetuti”.

Movimento Civico Città Futura: “Un atto ignobile”

“Un atto ignobile – si legge in una nota stampa del Movimento Civico Città Futura -, nascosto dietro un vile anonimato, che si commenta da sé. Il confronto e la discussione sono gli unici elementi caratterizzanti della democrazia”.
“Gli atti intimidatori e violenti, invece, vanno puniti con la massima fermezza ed in modo esemplare. Rifiutiamo la logica dell’odio diretta verso un amministratore serio,  professionista e competente”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Anzio