Seguici su

Cerca nel sito

Atletico Terme Fiuggi, Acosta si presenta: “Sarà una grande stagione”

L'attaccante, pezzo pregiato del mercato rossoblu, è pronto a far esultare i tifosi

La firma di Pablo Acosta rappresenta sicuramente uno dei fiori all’occhiello del calciomercato dell’Atletico Terme Fiuggi. Un colpo importante e che porta in rossoblù un giocatore in grado di fare la differenza.

L’attaccante si dice entusiasta della sua scelta: “Sono contentissimo di arrivare a Fiuggi dove sono stato accolto molto bene e mi sono sentito a mio agio sin da subito. Decidere di venire qui non è stata una decisione difficile perchè l’interesse da parte della società è stato totale sin dal primo momento, il club ha progetti ambiziosi e voglia di essere protagonista e questo per un giocatore è importante sia dal punto di vista calcistico che mentale. Sono contento di essere arrivato in una piazza che ha ambizioni chiare e un progetto importante”.

L’arrivo di Acosta ha infiammato subito i cuori dei tifosi che già sognano i suoi gol: “Fare gol è sicuramente importante per i tifosi ma lo è anche per me, anzi direi che è fondamentale. Voglio però aiutare la squadra sotto tutti i punti di vista, non solo realizzativo ma anche del sacrificio per i miei compagni. Sarà una grande stagione, sono sicuro”. Il bomber argentino scalpita e non vede l’ora di lavorare agli ordini di mister Incocciati: “Ho conosciuto il mister, ci ho parlato ma ancora niente di troppo tecnico. Sicuramente in questi giorni parleremo di cosa vuole da me in campo e da parte mia ci sarà la massima disponibilità nei confronti suoi e di tutto lo staff tecnico”.

L’Atletico Terme Fiuggi è pronto dunque ad una nuova stagione per un’annata che Pablo Acosta farà di tutto affinché si riveli speciale: “Penso che la prossima sarà una grande stagione, il progetto ambizioso c’è e i giocatori per realizzarlo anche. Dobbiamo creare tra di noi e la società un grande gruppo sia dentro che fuori dal campo e spingere tutti verso lo stesso obiettivo. Solo così si potrà arrivare al traguardo che ci siamo prefissati perchè essere protagonisti dipenderà da quanto noi giocatori, staff tecnico, dirigenti e società, saremo uniti”.

(foto@Moscufo)