Seguici su

Cerca nel sito

Fiumicino, una maglietta per difendere il crocifisso, l’opposizione: “Manca la democrazia in aula consiliare”

Centrodestra e Liste civiche contestano la gestione dei lavori nel Consiglio comunale.

Più informazioni su

Fiumicino – “E’ con profondo rammarico che ci troviamo per l’ennesima volta a dover constatare come per questa amministrazione il confronto leale e rispettoso sia soltanto una favola che si ostina a raccontare” – a parlare sono i consiglieri di Centrodestra e delle Liste Civiche del Comune di Fiumicino.

“Ieri in Consiglio Comunale i rappresentanti del Centrodestra e delle Liste civiche si presentano in aula indossando tutti la stessa maglia raffigurante il Crocifisso con la scritta “Io lo rispetto” in prosecuzione della battaglia che stanno portando avanti al fine di riposizionare lo stesso nella Sala comunale.

La Presidente Vona scatenando una bagarre intima ripetutamente ai Consiglieri di opposizione di togliere la maglia, reputando la cosa non rispettosa di quel regolamento che dimostra spesso di non conoscere e che troppe volte interpreta a suo piacimento.

La stessa visto il non accoglimento della richiesta, sospende il Consiglio Comunale chiedendo al segretario generale presente in aula di confortarla nella sua presa di posizione.

Dopo diversi minuti e la ricerca di presunte trasgressioni alle regole, lo stesso non può invece fare altro che, regolamento alla mano, farla desistere dal suo tentativo di imporre una sua volontà, confermando per l’ennesima volta, laddove ancora possa non essere chiaro, la sua assoluta inadeguatezza politica al ruolo che ricopre.

La ripresa streaming non inquadrerà più gli esponenti dell’opposizione neanche durante i loro interventi, ci domandiamo se questo sia avvenuto solo per caso o per chiara volontà di oscurarne la divulgazione.

Facendo un breve inciso, senza con questo creare nessun assist a commenti inappropriati vorremmo far notare che quando vicino alla bandiera Comunale ne vengono messe di non istituzionali, questo si va in totale violazione delle regole”.

Più informazioni su