Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Giudizio negativo sul “Master Plan 2030” dell’aeroporto di Fiumicino: Costa firma il decreto

"La proposta dell'ampliamento dell'aeroporto di Fiumicino avrebbe impattato in maniera imponente su una parte della riserva del litorale romano".

Roma – “Il ministro dell’Ambiente Sergio Costa ha firmato oggi, di concerto con il ministro per i Beni e le attività culturali e per il turismo Dario Franceschini, il decreto nel quale è espresso il giudizio negativo sulla compatibilità ambientale del “Master Plan 2030” dell’aeroporto di Fiumicino, presentato da Enac”. Così il ministero dell’Ambiente in una nota.

Il provvedimento, si legge, “sarà comunicato al proponente, ai ministeri per i Beni e le attività culturali e delle Infrastrutture e dei Trasporti e alla Regione Lazio, che provvederà a portarlo a conoscenza delle altre amministrazioni interessate.

Sarà disponibile sul sito del ministero dell’Ambiente, insieme al parere della Commissione tecnica di verifica dell’impatto ambientale Via e Vas e al parere del ministero per i Beni e le attività culturali”.

“La proposta dell’ampliamento dell’aeroporto di Fiumicino – osserva il ministro dell’Ambiente Sergio Costa – avrebbe impattato in maniera imponente su una parte della riserva del litorale romano, violando una serie di vincoli. Già ad ottobre era arrivato il parere negativo della commissione Via-Vas. Adesso, dopo tutti i necessari passaggi amministrativi, c’è la firma definitiva”.
Fonte AdnKronos

Pietrosanti M5S: “Ringrazio il ministro per l’impegno dimostrato”

“Oggi è arrivata la firma del Ministro Sergio Costa su tale bocciatura. Ringrazio il Ministro per l’impegno sempre dimostrato per la tutela dell’ambiente e per la particolare sensibilità dimostrata nei confronti del Comune di Fiumicino, come del resto per tutta l’Italia” – commenta così il consigliere comunale del M5s Fiumicino Ezio Pietrosanti.

LeU Fiumicino; “Soddisfatti dalla bocciatura”

“Esprimiamo piena soddisfazione per la bocciatura definitiva del master plan per ampliamento dell’aeroporto di Fiumicino. Siamo stati fermamente convinti che la scelta della 4 pista era scellerata e dannosa per il nostro territorio e per questa l’abbiamo sempre contrasta in tutte le sedi istituzionali” si legge in una nota del Coordinamento liberi e uguali Fiumicino.

“La difesa della riserva naturale e dell’ambiente e della vocazione agricola del nostro territorio e stata un nostro punto di forza del nostro programma elettorale. Ora chiediamo interventi all’interno del sedime aeroportuale per il rilancio dello stesso e per rilanciare occupazione di uno dei più grandi aeroporti italiani”, concludono.