Seguici su

Cerca nel sito

Matteo Piantedosi è il nuovo Prefetto di Roma: le sfide da affrontare

Napoletano, 57 anni, già prefetto di Bologna e di Lodi, il nuovo titolare della Prefettura di Roma succede a Gerarda Pantalone, appena andata in pensione

Roma – Arriva a Palazzo Valentini dopo due anni spesi al Viminale, prima come capo di gabinetto di Matteo Salvini e poi di Luciana Lamorgese, il nuovo prefetto di Roma Matteo Piantedosi. La nomina è arrivata oggi in Consiglio dei Ministri su proposta del ministro dell’Interno Lamorgese.

Napoletano, 57 anni, già prefetto di Bologna e di Lodi, il nuovo titolare della Prefettura di Roma succede a Gerarda Pantalone, appena andata in pensione. Molte le sfide che attendono il funzionario nella Capitale sul versante della gestione delle politiche di sicurezza, buona parte richiederanno un dialogo costante con il Campidoglio.

C’è anzitutto la questione degli insediamenti rom (per la prossima settimana è previsto lo sgombero di quello tollerato vicino a via del Foro Italico) oltre alla prosecuzione del piano di dismissione dei villaggi della solidarietà, dove abitano circa 4.500 persone, che richiede impegno per la loro ricollocazione. Altro dossier caldo quello degli immobili occupati a scopo abitativo, circa 100, in una città dove il Campidoglio recentemente ha censito 57mila famiglie con disagio abitativo, 15mila delle quali classificate in emergenza.

Senza dimenticare le occupazioni con connotazioni politiche, tra cui lo stabile di via Napoleone III dove ha sede CasaPound, e i movimenti della malavita organizzata, sempre attiva sul litorale e nelle periferie della capitale, anche se ridimensionata dalle numerose condanne inflitte con il riconoscimento dell’aggravante dell’associazione mafiosa. (fonte Agi)