Seguici su

Cerca nel sito

La Juventus mette Sarri alla porta: il 9° scudetto non salva l’allenatore

Maurizio Sarri bocciato alla fine del suo primo anno, la società ringrazia e già è al lavoro per sostituirlo

Torino – Sarri è out: i bianconeri esonerano l’allenatore. Il “sarrismo” non conquista Agnelli, né i tifosi, e il tecnico toscano è costretto a lasciare Torino.

Ringraziamo Maurizio Sarri per aver contribuito a scrivere una nuova pagina della storia bianconera con la vittoria del nono Scudetto consecutivo – comunica lo Juventus Football Club -, coronamento anche di un percorso personale che lo ha portato a scalare tutte le categorie del calcio italiano”.

L’ex- Napoli e ex-Chelsea è di nuovo sul mercato, confidiamo che il neo-campione d’Italia, che può vantare nel suo curriculum anche una Coppa Uefa (2018-2019), non farà fatica a rilanciarsi e a ripartire sotto altri colori o in un altro campionato.

Il contratto triennale, che preveda una collaborazione fino al 2022, si è estinto alla fine di un complicatissimo e faticosissimo anno. Le sconfitte in Coppa e in Champions (leggi qui) cancellano la vittoria dello scudetto, obbiettivo minimo in casa bianconera.

Nonostante questa svolta negativa, la Juve guarda già al futuro e sonda il mercato, gli eredi dell’allenatore toscano potrebbero essere secondo le voci Simone Inzaghi, che attualmente siede sulla panchina laziale, o Paulo Sousa ex- bianconero.

(Il Faro online) Foto Twitter @juventusfc