Seguici su

Cerca nel sito

Ostia, “La pista ciclabile? Nessun parere richiesto”: il Campidoglio smentisce il X Municipio

La Giunta del X Municipio nel decidere la pista ciclabile del lungomare non ha fatto richiesta di parere obbligatorio al Dipartimento Mobilità e Trasporti. Falso in atto pubblico? Esposto di Labur

Ostia – La pista ciclabile del lungomare è figlia delle decisioni della Giunta del X Municipio in tema di “Emergenza epidemiologica da covid-19 e il progetto non è mai stato sottoposto al parere del Dipartimento Mobilità e trasporti del Comune di Roma, pur incidendo in maniera determinante sulla qualità dei collegamenti del litorale romano.

E’ il contenuto della nota di risposta al Labur, Laboratorio Urbanistico, fornita dalla Direzione Programmazione e Attuazione Piani di Mobilità del Comune di Roma, Dipartimento Mobilità e Trasporti, il 12 agosto. La nota, trasmessa per conoscenza al Gabinetto del Sindaco e alla Direzione Tecnica del X Municipio, contiene elementi estremamente gravi rispetto alla realizzazione della pista ciclabile che il X Municipio ha sempre definito all’interno del Piano Strategico Gestione Balneare 2020.

In particolare viene sottolineato che il Dipartimento non ha mairicevuto alcuna richiesta di parereenon ha contribuito alla redazionedella pista come invece risulta dalle Delibere della Giunta n.9 del 26 maggio 2020 e n.25 del 5 agosto 2020 del Municipio Roma X dove si legge che la Direzione Tecnica del Municipio, con il contributo di Risorse per Roma, Dipartimento e Agenzia della Mobilità, ATAC e AMA. ha redatto un Piano Strategico Gestione Balneare 2020comprensivo della pista ciclabile in oggetto.

Se fossero provate le dichiarazioni dei responsabili del Dipartimento a smentita di quanto sostenuto in un atto di Giunta – sottolinea l’ingegner Andrea Schiavone di Labur – si configurerebbe il reato di falco in atto pubblico. In ogni caso, attendiamo come di regola il provvedimento disciplinare della Sindaca di Roma, Virginia Raggi, e un espresso intervento delle autorità preposte al rispetto della Legge”.

Labur in merito alla pista ciclabile ha inviato una segnalazione alla Corte dei Conti, alla Procura di Roma, alla Guardia di Finanza, ai Carabinieri, al Ministero della Pubblica Amministrazione, all’ANAC e alla Prefettura di Roma. In conoscenza, a Roma Capitale: Gabinetto del Sindaco, Segretariato Generale, Assessorato Città in Movimento, Polizia Locale di Roma Capitale e Municipio Roma X.

Sono chiamati a rispondere di eventuali inadempimenti: Giuliana Di Pillo in qualità di presidente del X Municipio, Alessandro Ieva come assessore all’Ambiente e alla Sicurezza e Nicola De Bernardini direttore del Municipio, firmatari del documento di Giunta.

Intanto, in attesa di determinazioni da parte delle autorità preposte, l’amministrazione dovrà fronteggiare diverse criticità connesse alla realizzazione della pista: gli spazi per carico e scarico merci, il corridoio d’accesso ai mezzi Ama per la raccolta dei rifiuti, l’ampliamento delle corsi per la svolta ai semafori per dirne alcune.