Seguici su

Cerca nel sito

Terracina città solidale: siglata la convenzione che assicura servizi ai disabili

Si tratta di un accordo per l’erogazione di servizi ai disabili tra l’Azienda speciale e Rete Solidale, associazione impegnata nell’assistenza alle persone con disabilità.

Terracina – E’ stata sottoscritta la convenzione tra Azienda speciale e Rete solidale per servizi ai disabili. L’assessore di Terracina Avelli ha evidenziato: “Desideriamo una città capace di essere solidale con chi ha qualche difficoltà in più”.

Si tratta di un accordo per l’erogazione di servizi ai disabili tra l’Azienda speciale, ente strumentale del Comune di Terracina diretta da Carla Amici, e Rete Solidale, associazione impegnata da anni nell’assistenza alle persone con disabilità nella città tirrenica.

L’assessore ai Servizi sociali Patrizio Avelli esprime: “Soddisfazione per l’accordo e gratitudine all’Azienda speciale e a Rete solidale, due realtà, l’una istituzionale, l’altra privata, che hanno dimostrato in questi anni di avere le competenze e l’attitudine ideale per aiutare i ragazzi con qualche problema fisico a superare i limiti e a valorizzare le proprie capacità.

Socialità, sport e forme artistiche sono al centro delle attività che i due enti provvederanno a garantire ai ragazzi e alle loro famiglie, parte indispensabile nel percorso di accompagnamento ad una piena integrazione di questi giovani. Desideriamo tutti una città capace di essere solidale con chi ha qualche difficoltà in più e l’Azienda Speciale e Rete Solidale rappresentano certezze assolute in quanto a capacità e sensibilità”.

“La convenzione – commenta la presidente Maura Curati-, rappresenta il riconoscimento, dal punto di vista formale, di una lunga collaborazione che ci vede coinvolti nella realizzazione di progetti che promuovono e valorizzano le capacità delle persone con disabilità e sostengono le loro famiglie.

Infatti da circa 4 anni abbiamo avviato il progetto ‘Tuttinsieme nello sport’ e varie esperienze di collaborazione tra cui il laboratorio di coreografie e la colonia marina. Questa fase, inoltre, sancisce anche l’avvio di un processo che ci vedrà coinvolti in alcune attività, sia di inserimento lavorativo, che di accompagnamento e sostegno nel percorso del Dopo di noi delle persone con disabilità.

Le famiglie ringraziano quindi l’amministrazione comunale e l’Azienda speciale di Terracina per l’opportunità che offrono al territorio nella realizzazione di progetti inclusivi”.