Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Sette Colli 2020, Butini: “Ottimo il bilancio finale. Il nuoto italiano ha dimostrato di esserci”

Parla il Direttore Tecnico azzurro al termine della manifestazione. Entusiasmo in vasca e risultati eccellenti dei big

Roma – Al termine del recente Trofeo Sette Colli di nuoto, svoltosi allo Stadio del Nuoto di Roma, dall’11 al 13 agosto scorsi, è il Direttore Tecnico della Nazionale a tracciare un bilancio. Più che positivo. Cesare Butini, come riporta il sito ufficiale della Federnuoto, applaude alle prestazioni degli azzurri. In concomitanza anche dei Campionati Italiani Assoluti svoltosi insieme all’evento internazionale. Su tutti l’eccezionale performance di Gregorio Paltrinieri, che primo nei 1500 stile si è preso anche il record europeo. Con un tempo, come Butini dice, che non nuotava dal 2016.

Soddisfazione anche per Martina Caramignoli vincente nei 1500 femminile. Esempio di determinazione. Poi il record italiano di Razzetti nei 200 misti e le gare di Miressi nei 100 stile e di De Tullio nei 200 stile. Solo alcuni dei campioni che hanno dimostrato di esserci oltre il nero periodo di stop dovuto alla pandemia di Covid-19.

Tanto entusiasmo da parte del movimento del nuoto italiano, con tanta voglia di riappropriarsi dei propri spazi. La conferma dei big in vasca, tra i quali Gabriele Detti, Federica Pellegrini, Margherita Panziera, evidenzia uno stato di ottima salute del nuoto italiano. Con la speranza che nei prossimo mesi tutto possa tornare alla normalità, per puntare dritti alle Olimpiadi di Tokyo del 2021.

“Presenza di tanti atleti: un segnale importante dal movimento”

La 57esima edizione del Trofeo Sette Colli, abbinata al Campionato Italiano, ha registrato un livello tecnico oltre ogni aspettativa – sottolinea il direttore tecnico della nazionale di nuoto Cesare ButiniLa manifestazione, fortemente voluta dalla nostra Federazione, è stata oltre che un successo dal punto di vista organizzativo, con la presenza di tanti atleti stranieri, un segnale importante da parte di un movimento che vuole riappropriarsi, nel rispetto delle attuali normative anti-Covid, del proprio spazio. Il movimento in generale ha risposto con entusiasmo e partecipazione, come del resto avvenuto in occasione del Campionato Italiano di Categoria organizzato su base regionale”.

“Risultati di rilievo e ottima forma degli azzurri”

La voglia di tornare a gareggiare manifestata dagli atleti, dai tecnici e dalle societàprosegue Butini –  che rappresentano il nostro presente e futuro e che ringrazio per l’apporto fornito malgrado le enormi difficoltà derivate dalla pandemia, è stata superiore alle sofferenze gli ultimi mesicontinuaDa una veloce analisi tecnica dei risultati spiccano su tutti il primato europeo di Paltrinieri nei 1500 stile libero in 14’33″10, tempo che non nuotava dal 2016; i record italiani assoluti di Pilato nei 50 rana in 29″85 e di Razzetti nei 200 misti in 1’58″01; le prestazioni di Miressi nei 100 stile libero in 48″15 e De Tullio nei 200 in 1’46″56, soprattutto funzionali alle staffette stile libero che, pur mancando di alcuni specialisti come Condorelli e Megli, confermano una dimensione mondiale; le rilevanti prestazioni di Caramignoli esemplificazione di determinazione. A questi riscontri cronometrici si aggiungono altri record di categoria”.

“La conferma dei big e specialità da incentivare verso le Olimpiadi”

L’aspetto importante rimane la densità degli ottimi risultati in quasi tutte le discipline. La conferma, affianco a big come Detti, Pellegrini, Panziera e Martinenghi, di giovani quali De Tullio, Ceccon, Burdisso e Salin. Molti risultati cronometrici sono stati migliori rispetto a quelli ottenuti nel campionato di dicembre e circa una dozzina di atleti avrebbero ottenuto il pass olimpico individuale. Ci sono ovviamente anche specialità da incentivare e individualità da supportare che saranno oggetto di attenzione federale nei prossimi mesi di preparazione in vista degli appuntamenti agonistici del 2021”.

“Positivo il bilancio finale. Che sia foriero per il futuro”

Il bilancio tecnico quindi è sicuramente positivo e ci fa essere ottimisti per la prossima stagione che sarà densa di avvenimenti agonistici internazionali. Abbiamo lanciato un segnale importante, ricevuto riconoscimenti positivi anche da tecnici stranieri e tracciato una strada che potrebbe essere un esempio anche per altre discipline sportive. Speroconclude Butiniche tutto questo sia foriero di un graduale ritorno alla normalità e soprattutto trasmetta l’importanza sociale dello sport e la necessità di collocarlo, rivalutando anche le figure professionali che ci operano, nella giusta posizione nel mondo reale“.

(Il Faro online)(foto@deepbluemedia)