Seguici su

Cerca nel sito

Voli Roma Fiumicino-Milano, Vaia (Spallanzani): “Obiettivo un biglietto un tampone”

Il direttore sanitario dello Spallanzani: "Siamo sulla strada giusta. Intervenire a monte delle problematiche è la misura corretta"

Fiumicino – “Grazie a una preziosa ed encomiabile collaborazione tra Adr (Aeroporti di Roma), Regione Lazio e Spallanzani, potremmo avviare nei prossimi giorni a Fiumicino la prima concreta sperimentazione del modello ‘un biglietto un tampone’ sulla tratta Roma-Milano“.

La prova generale di uno schema che, se funzionerà, potrebbe essere applicato anche su tratte più ampie, per i voli a lunga percorrenza, così da attuare ‘”una prevenzione a monte” contro il rischio che Covid-19 viaggi insieme a chi sale su un aereo. Lo spiega Francesco Vaia, direttore sanitario dell’Inmi Spallanzani di Roma.

Siamo sulla strada giusta. Intervenire a monte delle problematiche è la misura corretta“, è convinto Vaia che chiarisce come “in una primissima fase” il tampone rapido verrebbe eseguito a Fiumicino “sia all’imbarco, a tutti, che allo sbarco, magari a campione. Mentre se saranno attuati i protocolli di reciprocità, una volta che questi entreranno a regime il tampone potrà essere fatto soltanto all’imbarco”.

L’idea, in conclusione, è “che nessuno si imbarchi se non è stato fatto il tampone” nello scalo di partenza. “Il ragionamento non è politico – tiene a precisare il medico – ma è tecnico”. Quanto ai tempi di realizzazione del progetto, “Adr sta interloquendo con Alitalia e, non appena avremo il via libera, speriamo di partire“. (fonte Adnkronos)