Seguici su

Cerca nel sito

Parco Leonardo, strada bloccata da calcinacci abbandonati: la rabbia del CdQ

Solo l'intervento della Polizia Locale ha permesso di liberare la strada dai calcinacci. Canto: "Serve prevenzione"

Fiumicino – E’ caos a Parco Leonardo, dove una strada del quartiere è stata bloccata dallo sversamento di calcinacci. Una situazione d’inciviltà denunciata anche in passato dai cittadini e che si è risolta solo con l’intervento della Polizia Locale, che ha verificato la presenza dei materiali edili in strada. Dopo il sopralluogo, i calcinacci sono stati portati via.

“Abbiamo ricevuto decine di segnalazioni ed abbiamo visto, per l’ennesima volta, cosa comporta il mancato presidio del territorio. Ritengo ci siano alcuni aspetti fondamentali da evidenziare. Un monito riguarda i privati cittadini: accertatevi sempre di scegliere aziende serie che presentino una documentazione reale per lo smaltimento post-intervento, evitando di favorire l’omissione di tutti gli adempimenti legali in materia di smaltimento del materiale di risulta. È importante fare leva sul senso civico dei consumatori specie nelle scelte commerciali, favorendo aziende serie e professionisti che operino nel rispetto delle regole fiscali e amministrative. Con una corretta gestione ambientale ne guadagna tutta la collettività”, il commento del Presidente del Comitato di Quartiere di Parco Leonardo, Antonio Canto.

“Un altro aspetto determinante è la prevenzione da parte delle istituzioni. E’ chiaro che non è possibile monitorare ogni angolo del Comune di Fiumicino, ringraziamo la celerità degli interventi della Polizia Municipale, per questo abbiamo suggerito più volte l’installazione di fototrappole, specie per le aree meno trafficate, così da mandare un messaggio chiaro ai trasgressori, avere un ritorno economico per le casse dell’amministrazione comunale e dare garanzia ai residenti di un’attento controllo del quartiere.

Nel caso i cui si tratti di zone ibride, contese tra consorzio e Comune, auspichiamo invece maggiore collaborazione tra gli enti, perché il mancato intervento è sempre un messaggio sbagliato che penalizza i cittadini. È importante che ci sia un alto interesse verso la tutela della sicurezza pubblica a presidio del territorio, evitando le zone franche. Per questo bisogna anticipare il problema. Infine, in questo caso, c’è l’aggravante di aver bloccato il transito su una strada pubblica, che è sempre di competenza comunale. Auspichiamo un intervento celere ed una serie di investimenti preventivi, affinché ci sia maggiore controllo ed un netto cambio di marcia. Le famiglie di Parco Leonardo chiedono maggiore decoro urbano e più sicurezza, requisiti essenziali per una comunità sana, da sempre il nostro obiettivo principale”.