Seguici su

Cerca nel sito

Anzio e Nettuno pronte a inaugurare l’anno scolastico: il 14 settembre si torna in aula

Prosegue l'intenso lavoro delle Amministrazione di Anzio e Nettuno in vista dell'inizio del nuovo anno scolastico previsto da lunedì 14 settembre

Ritorno a scuola in piena sicurezza. Continua il lavoro delle Amministrazione Comunali di Anzio e Nettuno in vista della riapertura dei plessi scolastici fissata dalla Regione Lazio per il prossimo 14 settembre.

“Sono stati sessanta giorni di intenso lavoro, – afferma l’Assessore del Comune di Anzio, Di Fraia – con al centro della nostra azione amministrativa la sicurezza degli studenti e la serenità delle famiglie, alla vigilia di questo nuovo inizio. Abbiamo fatto un lavoro di squadra, reso possibile grazie alla supervisione del nostro Sindaco e al coordinamento del Dirigente, Angela Santaniello, della Responsabile del settore, Sabrina Napoleoni e dei tecnici comunali, tra i quali l’arch. Gianmarco Tonon, unitamente ai dipendenti dell’Assessorato e altri uffici comunali che hanno sostenuto tutte le attività”.

Abbiamo investito i fondi ministeriali – prosegue l’Assessore Di Fraia – per l’acquisto di arredi ed attrezzature scolastiche, idonee a garantire il distanziamento tra gli studenti delle scuole dell’infanzia, primaria e secondaria di I grado. Inoltre non sono mancati sopralluoghi quotidiani agli edifici scolastici, incontri con le ditte dei trasporti e della mensa, con i dirigenti scolastici e continui contatti telefonici con i funzionari della Asl, al fine di acquisire le linee guida che applicheremo per l’erogazione, in totale sicurezza, dei servizi dell’Ente”.

Un bilancio positivo, quello evidenziato dall’Assessore Di Fraia, finalizzato a tutelare l’utenza e a garantire tutti i servizi nonostante il delicato momento storico. “E’ stato un punto di partenza per contribuire, fattivamente, – prosegue l’Assessore Di Fraia – a garantire ai nostri figli il passaporto per il futuro: il domani appartiene a coloro che si preparano ad affrontarlo adesso. Il mondo della scuola ha veramente mille sfaccettature ed oggi, dopo soli due mesi di mio mandato, comprendo ancora di più quanto sia indispensabile una sana programmazione ed una presenza costante con tutti gli agenti di questa realtà”.

“Poter vedere il tutto – conclude l’Assessore Di Fraia -, anche con gli occhi di una mamma, mi ha permesso di agire con coscienza affinché i nostri ragazzi potessero, veramente, trovare uno spazio ideale per una serena ripresa, con la massima attenzione alla manutenzione straordinaria ed ordinaria, con la cura del verde, con l’adeguato smaltimento degli ingombranti, con gli interventi di disinfestazione e sanificazione delle aule e con tutti i relativi servizi”.

Nettuno, Ludovisi: “Mesi di intenso lavoro per una riapertura in piena sicurezza”

L’Assessorato alla Pubblica istruzione guidato dall’assessore Camilla Ludovisi, i dirigenti dei settori Pubblica Istruzione e Area Tecnica e gli uffici comunali da maggio hanno intrattenuto un fitto dialogo con tutti i dirigenti scolastici del territorio accogliendo le richieste e le necessità di ogni singolo istituto.

Sono stati mesi di intenso lavoro che non sono ancora terminati – spiega l’Assessore alla Pubblica istruzione Camilla Ludovisi – abbiamo seguito tutte le direttive nazionali, regionali e del comitato tecnico scientifico e siamo intervenuti per garantire un inizio di anno scolastico in piena sicurezza per tutti gli alunni del nostro territorio nel rispetto di tutti i protocolli sanitari vigenti, mantenendo un livello qualitativo alto dei servizi scolastici sul nostro territorio”.

Negli ultimi giorni abbiamo definito con i gestori dei servizi di refezione scolastica e del trasporto le procedure che andranno adottate e grazie all’avviso di manifestazione di interesse pubblicato dal nostro Comune siamo riusciti a reperire ulteriori sei aule in un istituto scolastico paritario di Nettuno riuscendo a far fronte alle richieste di spazi aggiuntivi avanzate da tre scuole del territorio”.

“Inoltre – conclude l’Assessore – abbiamo fatto richiesta per accedere ai fondi ministeriali destinati al noleggio di tensostrutture in modo di dotare anche le zone esterne dei nostri plessi scolastici di spazi adeguati per la didattica”.
(Il Faro online)