Seguici su

Cerca nel sito

Ponza, tutto pronto per la conferenza inter-istituzionale per lo sviluppo sostenibile

L'associazione "Prospettive mediterranee" promuove di restaurare la Villa della Tortore per utilizzarla come laboratorio di ricerca e formazione sulla sicurezza alimentare, economia circolare e riscaldamento globale

Ponza – Lunedì 14 settembre, a Ponza, in vista del Summit programmato il 26 novembre 2020 per il 25° anniversario della Dichiarazione di Barcellona e del restauro del Penitenziario di Santo Stefano a Ventotene, l’associazione Prospettive Mediterranee ha organizzato una conferenza inter-istituzionale EuroMed per lo sviluppo sostenibile, con la partecipazione di ospiti di rilievo nazionale ed internazionale.

L’associazione promotrice – in collaborazione con l’Unione per il Mediterraneo-UPM, la Fondazione euromediterranea Prima, il Segretariato Italiano di Prima, la Rete Italiana per il Dialogo Euro Mediterraneo Rideaps (Capofila in Italia della Fondazione Anna Lindh-FAL), il Comune di Ponza, e la Comunità Arcipelago Pontino – promuove di restaurare la Villa della Tortore a Ponza, di proprietà della Regione Lazio al fine di utilizzarla come laboratorio di ricerca e formazione – rivolto principalmente alle donne ed alle nuove generazioni nel Mediterraneo – sulla sicurezza alimentare, economia circolare, riscaldamento globale.

Gli organizzatori hanno concordato sui principi comuni di un Manifesto sulla sostenibilità, ispirato a quello per l’Europa lanciato nel 1941 da Altiero Spinelli confinato a Ponza dal 1937 al 1939 e poi deportato a Ventotene, nello stesso Arcipelago, fino al 1943 – per lanciare un messaggio comune sullo sviluppo sostenibile, sottolineando lo stretto rapporto tra cibo, salute e ambiente evidenziato anche dalla pandemia Covid-19.

Il programma

La conferenza si aprirà con i saluti istituzionali (in persona o tramite un video saluto) di Francesco Ferraiuolo (Sindaco del Comune di Ponza & Socio Ride-Aps), Gennaro di Fazio (Presidente, Comunità Arcipelago Pontino), Vincenzo Amendola (Ministro per gli Affari Europei), Teresa Bellanova (Ministro Politiche Agricole Alimentari e Forestali), Luigi di Maio (Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale – MAECI), Giuseppe Provenzano (Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale), Francesco Tufarelli (Direttore, Dipartimento per gli Affari Regionali e le Autonomie), Antonio Parenti (Direttore, Rappresentanza Commissione Europea in Italia), Enrica Onorati (Assessore Agricoltura, Promozione filiera cultura del cibo, ambiente e risorse naturali, Regione Lazio) Alessandro Capriccioli, (Presidente, Commissione Affari Europei ed Internazionali, Consiglio Regionale del Lazio), e Francesco di Majo, (Presidente, Porti del Lazio: Civitavecchia, Gaeta, Fiumicino).

Il panel inter-istituzionale euro-mediterraneo è composto da Miguel Angel Moratinos (Alto Rappresentante, UNAoC), Nasser Kamel, (Segretario Generale UpM), Nabil Al-Sharif (Direttore Esecutivo, FAL) e Angelo Riccaboni (Presidente della Fondazione PRIMA). I relatori della tavola rotonda sono: Enrico Granara (Coordinatore Euro-Med, MAECI), Grammenos Mastrojeni (Vice Segretario Generale, UpM), Cristiana Gaita (Vice Direttrice Esecutiva, FAL), Silvia Costa (Commissario per il Restauro del Penitenziario di Santo Stefano a Ventotene), Gerardo Santomauro (Sindaco del Comune di Ventotene), Roberto Morabito (Direttore, Dipartimento di Sostenibilità, Enea), Almotaz Abadi (Managing Director, UpM), Giuseppe Provenzano (Esperto su Alta formazione e ricerca, UpM), Cristian Chiavetta (Economia Circolare applicata al settore agroalimentare nelle città costiere mediterranee, Summit delle due rive 5+5), Giulia Marchesini (Senior Partnership Specialist World Bank) e Sergio Martes (DG UE, MAECI). Enrico Molinaro, presidente di Prospettive Mediterranee e Segretario Generale della RIDEAPS modera e conclude la conferenza.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ponza