Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, la maxi discarica abusiva a via Laurentina continua a crescere nell’indifferenza delle Istituzioni

Ardea – A distanza di settimane resta ancora in bella mostra all’ingresso della cittadina di Ardea la discarica abusiva nata dall’inciviltà delle persone sul terreno confinante con la riva destra dell’affluente del Fosso dell’Incastro, sulla via Laurentina.

Lo scorso 4 settembre, dopo la diatriba tra i Comuni di Ardea e Aprilia su chi dovesse intervenire (poiché il terreno si trova al confine tra le due città), un sopralluogo congiunto degli agenti della Polizia Locale di Aprilia e Ardea, ha accertato che la proprietà è nel Comune di Ardea. Ma a una settimana di distanza dall’accertamento, nulla è cambiato: nessun sequestro dell’area, nessuna bonifica.

Rimpallo di competenze tra Comuni, intanto la maxidiscarica di via Laurentina cresce

La storia di questa discarica all’ingresso di Ardea al confine con l’argine del fiumiciattolo sembra non interessare alle Istituzioni locali, se non all’agricoltore che da mesi si è rivolto anche alla stampa per denunciare la situazione, purtroppo senza risultati.

Verrebbe da chiedersi se il Sindaco è a conoscenza di quanto accade. La situazione è davvero tragica: i roghi tossici di rifiuti abbandonati in strada sono all’ordine del giorno in città (leggi qui): se si aspetta ancora c’è il rischio che qualche delinquente bruci i rifiuti intossicando gli abitanti di Ardea. E questo perché la zona è di facile accesso a chiunque, con i rifiuti che continuano ad aumentare ogni giorno sempre di più, mettendo in pericolo anche i terreni confinanti.

Un gruppo di cittadini, stanchi di fumi tossici, sembra si stia muovendo per vie legali: un avvocato locale è stato infatti contattato affinché chieda alla Procura della Repubblica di Velletri l’ordine del sequestro e l’immediata bonifica.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ardea
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Ardea