Seguici su

Cerca nel sito

Covid-19 a Formia: il Sindaco lancia un appello per l’installazione di un drive-in fisso

Il Sindaco di Formia: "Ritengo indispensabile l’installazione di un Drive in diagnostico presso il presidio ospedaliero di Gaeta o in altra sede decisa dall’Asl sul territorio sud pontino"

Formia – Continua ad essere costantemente monitorata la situazione Covid a Formia che, nella giornata di lunedì, con il caso di un noto imprenditore locale risultato positivo, era letteralmente esplosa, sommergendo di fake news e panico i formiani.

In particolare, stamattina, in via Olivastro Spaventola, è stato allestito il drive-in, che ha interessato soprattutto i dipendenti dell’azienda dell’imprenditore del mondo ittico nostrano. “Con la collaborazione della Protezione civile, della Polizia locale e grazie all’Unità operativa attivata dalla Asl di Latina – ha spiegato il sindaco di Formia, Paola Villa – sono stati eseguiti circa 140 tamponi (un numero, quindi, leggermente superiore ai 110 prospettato ieri in conferenza stampa)”.

Non solo i numeri sono cambiati, però, ma anche le esigenze, tant’è che per il prossimo 18 settembre è previsto un secondo appuntamento con il drive-in, che, di nuovo, permetterà di effettuare un gran numero di tamponi.

L’appello del Sindaco: “Si attivi un drive-in fisso per i cittadini del Golfo”

Una situazione, quindi, sicuramente ancora sotto controllo in materia di persone contagiate, ma che, se necessita di un secondo appuntamento, lascia comunque spazio a dubbi e domande. Per questo, per evitare il ripetersi di quanto già accaduto ad inizio settimana (dove si era persino diffusa la notizia che Formia fosse zona rossa) il Primo cittadino ha deciso di lanciare un appello: installare un drive-in diagnostico fisso, che possa rispondere alla esigenze di tutto il Golfo di Gaeta, anche in previsione dell’ormai prossima riapertura delle scuole, il prossimo 24 settembre.

“Alla luce dei nuovi casi di infezione da Covid – 19 e dal crescente numero di soggetti a cui è richiesta l’ottemperanza della quarantena preventiva, considerata l’imminente riapertura delle scuole e l’assoluta necessità di potenziare la risposta diagnostica per prevenire potenziali contagi a catena -sottolinea il sindaco Villa -, ritengo indispensabile l’installazione di un Drive in diagnostico presso il presidio ospedaliero di  Liegro a Gaeta o in altra sede decisa dall’Asl sul territorio sud pontino.

Un drive- in fisso, dotato di tutta la strumentazione utile dove effettuare i tamponi necessari e richiesti per la diagnosi differenziati in ordine alla patologia è  una soluzione ottimale, visto che presso l’ospedale di Gaeta vi è anche la presenza degli spazi necessari. Inoltre, in questo modo si eviterebbe che i soggetti interessati da una possibile infezione debbano recarsi, se non inseriti sulla piattaforma aziendale, a 100 chilometri di distanza per effettuare una diagnosi o che debbano attendere l’arrivo degli operatori della Asl”.

Una soluzione, quella prospettata dal Sindaco di Formia, quindi, che permetterebbe di non sprecare tempo prezioso (e che, quindi, limiterebbe anche il contestuale diffondersi del coronavirus) e che eviterebbe all’intera utenza del sud pontino (che conta oltre 100mila abitanti) di doversi spostare lontano per avere un tampone. In più, sottolinea il Sindaco: “L’assenza di una struttura fissa e perfettamente allestita, costringe gli operatori del distretto di Gaeta deputati ad effettuare i tamponi a recarsi a domicilio dei pazienti, con una dispersione territoriale di decine e decine di chilometri, senza poter fornire a volte un servizio ottimale.

La presenza di una struttura fissa – conclude – garantirebbe una migliore organizzazione  del servizio, una migliore e più celere risposta e soprattutto tutelerebbe sia i cittadini, sia gli stessi operatori sanitari“.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Formia Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Formia