Seguici su

Cerca nel sito

Fiumicino, “Notizie false sulla scuola”: preside querela consigliere comunale

Montino: "Ci costituiremo parte civile contro chi diffonde notizie false sulla scuola"

Fiumicino – “Ho ricevuto copia della querela che la dirigente della scuola Grassi di Fiumicino ha sporto oggi contro il capogruppo di Fdi in consiglio comunale Stefano Costa che, nelle scorse ore, ha diffuso via internet notizie false, sostenendo che nella scuola in questione ci sono classi in cui mancano le sedie e gli alunni sono costretti a sedersi per terra”. Lo dichiara il sindaco Esterino Montino.

“Affermazioni gravissime – prosegue il sindaco – che la professoressa Sorce ha, giustamente, ritenuto anche diffamatorie nei confronti della scuola e del suo ruolo di dirigente”.

“Nello stesso video, il consigliere Costa parla genericamente di istituti scolastici, lasciando intendere che ci sia una situazione drammatica diffusa – prosegue Montino -, cosa non vera. L’allusione alla nostra conferenza stampa sulla riapertura delle scuole ha il chiaro intento di far credere che l’amministrazione sia responsabile di avere riaperto le scuole lasciando i bambini seduti a terra. E questo è falso“.

“Per questa ragione, se la magistratura riterrà che ci siano gli estremi per procedere sulla base della denuncia presentata oggi dalla professoressa Sorce, noi ci costituiremo parte civile al suo fianco“.

“Il confronto politico può essere anche aspro e spesso lo è – conclude il sindaco -, ma diffondere notizie false speculando sulle comprensibili preoccupazioni delle famiglie non è politica: è propaganda sulla pelle dei bambini, delle famiglie, del lavoro del personale scolastico, dei docenti e dei dirigenti. E non è ammissibile”.

Petrillo: “Bene la decisione della Preside e del Sindaco”

Hanno fatto bene la professoressa Sorce a sporgere querela e il sindaco ad annunciare la costituzione di parte civile contro le fake news sulla scuola”. Lo dichiara Angelo Petrillo, capogruppo della Lista Civica Zingaretti in consiglio comunale.

“Del resto il modello nazionale delle destre è questo – prosegue Petrillo -: da una parte ci si riempie la bocca di difesa della patria e di orgoglio nazionale e poi, davanti ad una situazione di difficoltà dovuta ad una pandemia globale, si alimenta una campagna di bugie e falsità quasi a sperare che le cose vadano davvero male solo per poter dire che chi governa è incapace”.

La cosa più grave è che questo si fa sulla scuola – aggiunge ancora il capogruppo – che è un pilastro fondamentale della nostra società e che tutti dovremmo impegnarci a far funzionare meglio possibile. Invece qualcuno tifa perché fallisca”.

Siamo davanti ad una deriva propagandistica irresponsabile – conclude Petrillo – che non guarda in faccia nemmeno le giovani generazioni. E questo non è più tollerabile”.

Calcaterra: “Basta con polemiche inutili e strumentali sulla scuola”

È importante che si ristabilisca la verità delle cose, specialmente in un momento del genere. Quindi ha fatto bene la preside Sorce a sporgere querela contro chi diffonde fake news e il sindaco ad annunciare la costituzione di parte civile”. Lo dichiara Stefano Calcaterra, capogruppo del PD in consiglio Comunale.

Certi video diffusi da componenti dell’opposizione sono dannosi, prima di tutto per il buon funzionamento della scuola che in questa fase ha, invece, bisogno del supporto di tutte e tutti noi – prosegue Calcaterra -. Basta con queste polemiche inutili e strumentali e pensiamo al bene delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi, oltre che al lavoro dei tanti professionisti della scuola che si stanno adoperando perché tutto funzioni al meglio con grande senso di responsabilità”.

Anche questo puntare il dito contro la mancanza di docenti nella scuola primarie e secondaria è capziosa – conclude il capogruppo -: assumere insegnanti per le scuole statali è compito dello Stato. Il Comune ha già il suo organico al completo e quindi non può essere accusato di mancanze. Ogni anno scolastico inizia con meno insegnanti del necessario. È un problema? Sì, e va risolto a livello centrale. Ma non ricordo altrettante alzate di scudi negli anni scorsi. Chissà come mai”.

Baccini: “Sindaco, la situazione è sotto gli occhi di tutti”

“La drammatica situazione delle scuole a Fiumicino – afferma Mario Baccini, Capogruppo dell’opposizione –  è sotto gli occhi, continuano le segnalazioni dei genitori e non capisco la scelta del sindaco di entrare in una vicenda così delicata costituendosi parte civile.

Prendiamo atto che il sindaco ha evocato la via giudiziaria escludendo la via politica, anziché venire a rispondere in consiglio comunale su temi così sensibili ha scelto, per l’ennesima volta, di compiere un atto a senso unico. Se questo è il dialogo che vuole, pensiamo che per lui sia una strada ardua ma ne prendiamo atto e ci troverà pronti a rispondere a tono per le stesse vie”.

Di Giulio (Cristiano Popolari): “Sulla scuola preoccupazioni condivise, Sindaco effettui controlli”

“La preoccupazione espressa dal consigliere Stefano Costa – dice Luca Di Giulio, Responsabile dei Cristiano Popolari – riguarda tutti noi perché la cosa più importante è la sicurezza dei ragazzi e il sindaco anziché perdere tempo inseguendo azioni giudiziarie farebbe bene ad assicurarsi che tutte le norme siano state rispettate e che le strutture siano davvero adeguate ad accogliere gli studenti”.

Feola-Territo (FDI-Patria e Libertà): “Piena solidarietà al consigliere Costa”

“Non possiamo che esprimere piena solidarietà da parte nostra e di tutto il circolo di fdi-Patria e Libertà a Stefano Costa per l’attacco politico di cui è stato vittima”, è quanto hanno fatto sapere in una nota Roberto Feola e Alessio Territo del circolo FDI-Patria e Libertà.

“Se un consigliere comunale democraticamente eletto solleva delle perplessità sul tema delle riapertura delle scuole, non crediamo che si debba arrivare alle denunce tanto più diventa poi clamorosa e ridicola la scelta del Comune di costituirsi poi parte civile, qualcosa evidentemente non va nella direzione giusta. Il confronto – hanno continuato Feola e Territo – politico è essenziale per il buon funzionamento della nostra democrazia è non può essere messo a tacere dall’uso usuale della magistratura. Nel ripetere la nostra solidarietà al consigliere auspichiamo da parte della dirigenza scolastica e del comune un passo indietro per un ritorno a un sereno confronto delle idee e non a un confronto davanti ai magistrati”.

Lega: “Solidarietà a Stefano Costa”

“Quando la politica passa dagli scranni del consiglio comunale  alle aule dei tribunali – scrivono Giuseppe Picciano, coordinatore Lega-Salvini Fiumicino, Vincenzo D’Intino e Federica Poggio, consiglieri comunali Lega-Salvini Fiumicino – abbiamo perso tutti. Al capogruppo di Fratelli d’Italia, Stefano Costa, va tutta la nostra solidarietà per l’atteggiamento di un sindaco che evidentemente intende il confronto solo a proprio uso e consumo. Ricordiamo infatti al primo cittadino che la Lega, quando lui è stato coinvolto in indagini, è stata la prima a chiedere un confronto politico e non forcaiolo e giudiziario. E ancora: che se i bambini, come giusto che sia, hanno il diritto di essere tenuti fuori dal confronto politico, che la regola valga per tutti. E per favore non parlasse di ‘fake news’ perché in questi 7 anni potremmo scriverne un libro”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Fiumicino 
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Fiumicino