Seguici su

Cerca nel sito

Idroscalo, Di Giovanni (M5S): “Il progetto di riqualificazione e di edilizia sociale oggi è realtà”

Di Giovanni: "Abbiamo votato un documento importante per supportare la legalità, la riqualificazione e la bellezza del Mare di Roma"

Ostia – Nel Consiglio straordinario del X Municipio di Roma Capitale, la maggioranza pentastellata ha approvato un documento che punta a portare riqualificazione ed edilizia sociale nel territorio dell’Idroscalo.

“Oggi durante il Consiglio Straordinario del X Municipio sulla riqualificazione e nuova edilizia residenziale sociale all’Idroscalo – dice Antonio Di Giovanni, Capogruppo del M5S in X Municipio-, abbiamo votato un documento importante per supportare la legalità e la bellezza del Mare di Roma. Parliamo della riqualificazione dell’Idroscalo a Ostia; una proposta progettuale con cui Roma Capitale ha partecipato all’avviso pubblico della Regione Lazio di cui alla Delibera CIPE n. 127/2017, per la selezione di Progetti di Edilizia Residenziale Sociale per la realizzazione di nuovi alloggi popolari. Abbiamo a disposizione 10 milioni di euro di fondi statali che serviranno alla riqualificazione e rigenerazione di quell’area, al fine di dare risposte concrete all’emergenza abitativa attesa dalle famiglie di quel quadrante”.

“E’ prevista – prosegue Di Giovanni -, dopo anni di completo abbandono da parte di tutte le amministrazioni che ci hanno preceduto, la riqualificazione totale dell’area, la valorizzazione ambientale e la costruzione di nuovi alloggi di edilizia sociale nelle zone circostanti. Saranno realizzate una serie di appartamenti destinati all’edilizia sociale, secondo i principi della bioarchitettura sociale per nuove abitazioni sostenibili e a basso impatto ambientale. Questa Amministrazione ha il coraggio che a molti è mancato per troppo tempo e lo sta dimostrando, a differenza di chi andava alle prime luci del mattino per sgombrare e demolire le case dell’idroscalo. Porteremo legalità, sostegno alle famiglie e bellezza sul Mare di Roma, perché crediamo fortemente nell’impegno e nella ricostruzione di quello che per decenni è stato distrutto, per indifferenza e manifesta incompetenza”.