Seguici su

Cerca nel sito

Suarez, truffa all’esame per la cittadinanza italiana: indaga la Finanza

Gli argomenti della prova sarebbero stati concordati con il candidato e il relativo punteggio sarebbe stato attribuito prima dello svolgimento

Perugia – L’esame di Luis Suarez è nel mirino della procura. Nella prova di certificazione della lingua italiana, svolta il 17 settembre 2020 scorso dal calciatore uruguaiano, necessaria all’ottenimento della cittadinanza italiana, sarebbero emerse delle irregolarità. La Guardia di Finanza sta procedendo all’acquisizione di documenti negli uffici dell’università per stranieri di Perugia.

Luis Alberto Suárez Diaz, che ha chiuso l’ultima stagione con il Barcellona, pare destinato a lasciare il club catalano. Per settimane l’attaccante è stato accostato alla Juventus e nelle ultime ore, secondo radiomercato, sarebbe vicino all’Atletico Madrid. La moglie di Suarez ha origini italiane e il calciatore, con il passaporto italiano, si assicurerebbe lo status di comunitario anche in leghe diverse da quella spagnola.

Le indagini, coordinate dalla procura di Perugia e condotte dal nucleo di polizia economico finanziaria della Guardia di Finanza di Perugia, sono scattate a febbraio 2020 per fatti diversi e maturati nel contesto dell’università per stranieri.

“Dalle attività investigative – sottolinea una nota della procura firmata da Raffaele Cantone – è risultato che gli argomenti oggetto della prova d’esame sono stati preventivamente concordati con il candidato e che il relativo punteggio è stato attribuito prima ancora dello svolgimento della stessa, nonostante sia stata riscontrata, nel corso delle lezioni a distanza svolte da docenti dell’ateneo, una conoscenza elementare della lingua italiana”.

“Oggi i militari della Guardia di finanza stanno procedendo all’acquisizione di documenti negli uffici dell’università finalizzata al riscontro delle condotte contestate – si legge ancora nella nota – ed alla notifica di informazioni di garanzia per i reati di rivelazione di segreti d’ufficio, falsità ideologica commessa da pubblico ufficiale in atti pubblici ed altro”.
(Fonte: Adnkronos)
Foto – @LuisSuarez9