Seguici su

Cerca nel sito

Roma, pesce non tracciato nei ristoranti: sequestrati oltre 300 kg di prodotti foto

A carico dei responsabili, dei ristoratori di Monterotondo a Roma, sono stati elevati 4 verbali amministrativi per un totale di 6.000 euro

Roma – Continua, incessante, l’attività di controllo sulla filiera della pesca da parte degli uomini della Capitaneria di Porto di Roma, volta a reprimere condotte illecite e a garantire, soprattutto, la salute dei consumatori.

Nella giornata di ieri, il personale della Sezione Polizia Marittima Ambiente e Difesa Costiera della Capitaneria di Porto di Roma, nell’ambito di una mirata attività volta alla verifica del rispetto delle normative vigenti in materia di commercializzazione e somministrazione di prodotti della pesca, ha accertato la detenzione di prodotto ittico di vario tipo privo di tracciabilità, etichettatura e del marchio CE presso attività commerciali siti nel Comune di Monterotondo, tra cui ristoranti etnici.

L’ operazione ha portato al sequestro di 300 Kg circa di prodotto ittico; a carico dei responsabili sono stati elevati 4 verbali amministrativi per un totale di Euro 6000,00.

Il personale del Compartimento Marittimo di Roma, sotto il più ampio coordinamento della Direzione Marittima del Lazio, opera costantemente su tutto il territorio con l’intento di assicurare un adeguato livello di tutela della salute dei consumatori della vasta zona del litorale e dell’hinterland romano.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Roma Città Metropolitana
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram sulle notizie dall’Italia e dal mondo