Seguici su

Cerca nel sito

Sabaudia verso il titolo di “Comune Europeo dello Sport” del 2022

In questi giorni la delegazione Aces ha effettuato la visita alla città, alle strutture e alle diverse realtà sportive del territorio.

Sabaudia – Si è conclusa con la conferenza stampa riepilogativa la due giorni di visite ispettive da parte della commissione Aces Italia, giunta a Sabaudia per valutare la candidatura della città a “Comune Europeo dello Sport” per il 2022, presentata dall’Amministrazione comunale al fine di ottenere un nuovo riconoscimento per il lavoro di promozione dello sport che il territorio porta avanti con grande tenacia.

In questi giorni la delegazione Aces ha effettuato la visita alla città, alle strutture e alle diverse realtà sportive del territorio con l’obiettivo di scandagliare la programmazione in atto e futura nonché le potenzialità di un territorio che mira a fare dello sport e del turismo sportivo una risorsa importante a beneficio dell’intera collettività.

La delegazione non ha potuto non constare, rimanendone colpita, il grande fermento che insiste su tutto il territorio comunale con circoli, gruppi e associazioni sportive che con grande passione e tenacia portano avanti le attività ad ampio raggio nell’ambito delle diverse discipline, con particolare attenzione anche alla formazione delle giovani generazioni.

Di grande appeal la programmazione di eventi internazionali intrapresa dall’Amministrazione comunale, il suo forte interesse nella promozione dello sport nelle sue diverse declinazioni e il fatto di aver scelto di dedicare al settore un intero assessorato, affidandolo, tra l’altro, ad un atleta olimpionico. Da non tralasciare i protocolli di intesa siglati con le istituzioni per la promozione dello sport sul territorio, tra gli ultimi con il Panathlon di Latina, e il neonato Liceo Sportivo, volto proprio a formare futuri professionisti della pratica sportiva a 360 gradi, ragazzi che amano lo sport e che vogliono fare di esso la propria missione di vita, affidando la loro formazione ad un percorso di studi ad hoc in grade di avvicinare loro, concretamente e in maniera approfondita, alle scienze motorie e alle diverse discipline.

Sono state due giornate intense in cui abbiamo potuto mostrare il forte radicamento dello sport su tutto il territorio, grazie a quanti operano in esso quotidianamente e non meno al lavoro di questa Amministrazione che ha puntato sin dall’inizio allo sport e al turismo sportivo, anche in ottica di destagionalizzazione. Un percorso arduo e non breve, del quale abbiamo gettato le basi con una programmazione ampia e a lungo termine, perché Sabaudia con le sue strutture, i suoi scenari d’incanto e gli atleti (anche pluridecorati) che di certo non mancano, può e deve davvero fare tanto per creare un indotto economico e di immagine mediante la pratica sportiva.

Ringrazio i commissari Aces, il consigliere Enrico Veglianti che con me ha seguito le visite ispettive e tutte le associazioni, i circoli e i gruppi sportivi militari per aver aperto le porte delle loro attività per mostrare la Sabaudia Città dello Sport che noi tutti conosciamo”, il commento del consigliere Luca Danesin, tra i promotori della candidatura.

Alla conferenza stampa, tenutasi presso il Liceo Sportivo, hanno presenziato i consiglieri Luca Danesin ed Enrico Veglianti, il Presidente del Consiglio comunale Gianluca Bonetti, la dirigente scolastica dell’I.O. Giulio Cesare (che si ringrazia per l’ospitalità, ndr), il Presidente del Panathlon di Latina Giuseppe Bonifazi e Massimo Zichi, già Governatore del Lazio del Panathlon.

Insieme a loro la delegazione formata dal Claudio Filippo Briganti e Alessio Di Maio di Aces Italia e Sabrina Gastaldi di Anci. Presenti anche una rappresentanza di alunni e docenti del neonato Liceo Sportivo di Sabaudia.