Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Civitavecchia, Giornata dello Sfratto Zero: l’Unione Inquilini scrive al Sindaco

Puppi: "Civitavecchia è caratterizzata da un forte disagio abitativo, rappresentato dalle numerose convalide di sfratto"

Più informazioni su

Civitavecchia – In occasione della Giornata nazionale dello Sfratto Zero, il sindacato dell’Unione Inquilini ha deciso di scrivere una lettera al Sindaco di Civitavecchia, Ernesto Tedesco.

“Egregio Sindaco – scrive l’Unione Inquilini -, In Italia l’emergenza sanitaria ha ampliato di molto l’area delle famiglie in disagio abitativo, i dati relativi ai posti di lavoro persi (840.000, Istat) e i lavoratori in cassa integrazione (si stimano in 400.000) hanno gettato centinaia di migliaia di famiglie nel baratro del disagio abitativo e dello sfratto per morosità”.

“Se già in tempi ‘normali’ il Ministero dell’interno nel suo rapporto annuale indicava mediamente in circa 50.000 le sentenze emesse ogni anno e in circa 25/30 mila le azioni di rilascio eseguite con la forza pubblica – prosegue il sindacato -, questi dati già pesanti, temiamo che possano aggravarsi tenuto conto del fatto che da Marzo 2020 ad oggi sono tra le 600.000 e le 800.000 le famiglie che hanno partecipato ai bandi per contributi affitto regionali e comunali e solo una minima parte ha ricevuto un contributo di poche centinaia di euro che per affrontare la sofferenza nel pagamento dei canoni di locazione avranno un effetto quasi nullo”.

“Dagli stessi tribunali giungono notizie della presentazione di migliaia di richieste di udienze per convalidare gli sfratti quasi tutti motivati da morosità incolpevole – continua Unione Inquilini. Del resto i dati ci dicono che sono ancora oltre 600.000 le famiglie collocate nelle graduatorie per l’accesso ad una casa di edilizia residenziale pubblica a canone sociale”.

“In tale contesto il Parlamento ha – dice il sindacato degli inquilini -, con appositi emendamenti ai decreti legge ‘Cura Italia e Rilancio’ previsto la sospensione delle azioni di rilascio fino al 31 dicembre 2020, ma quanto disposto non rappresenta certamente la risposta al grave tsunami sociale degli sfratti che dal gennaio 2021 si riverserà nelle città siano esse di grandi dimensioni che medie o piccole”.

“Nella IX Giornata Nazionale Sfratti Zero – prosegue la realtà sindacale -, l’Unione Inquilini ed altre associazioni, comitati e forse politiche ha previsto e promosso iniziative in oltre 50 città italiane per chiedere un intervento strutturale sul settore abitativo. Se non si interviene fin da oggi con: a) la definizione di un Piano nazionale pluriennale di edilizia residenziale pubblica a canone sociale senza consumo ulteriore di suolo, basato su una rigenerazione urbana sociale che si coniuga con il fabbisogno reale dei cittadini; b) con azioni mirate a livello comunale di ricontrattazione dei contratti di locazione in essere in attuazione della L.N. 124/2013 c) con il sostegno al passaggio dal canone a libero mercato a quello agevolato, e se non si interviene sugli accordi locali prevedendo la riduzione dei valori ivi stabiliti, i Comuni si troveranno con una precarietà abitativa e un livello di esecuzioni di sfratti insostenibile; d) definire protocolli tra Prefetture e Comuni per modulare gli interventi di forza pubblica degli sfratti di morosità incolpevole in base a una programmazione che tenga conto dei percorsi di sostegno pubblico previsti per legge onde evitare problemi di ordine pubblico”.

“Oggi abbiamo una occasione irripetibile – commenta l’Unione Inquilini -. Oggi con le risorse derivanti dal Recovery Fund si può giungere a definire un Piano abitativo pubblico strutturale nazionale e locale, che si tramuta in un vero piano per il lavoro, nell’ambito di una rigenerazione urbana sociale che possa prevedere il recupero di interi stabili pubblici e privati che rappresentano dei veri buchi neri nelle nostre città, coniugando questo con una elevata qualità della vita che nel recupero o nei caseggiati di edilizia residenziale pubblica consentano, tra gli altri, interventi di efficientamento energetico. Con le risorse del Recovery Fund, con il circa miliardo di euro di risorse ex Gescal ancora oggi inutilizzato; con le risorse che l’Unione Europea potrà indirizzare per l’attuazione del punto 19 del Pilastro Sociale Europeo che indica le politiche abitative come uno dei principali principi sui quali intervenire a livello nazionale ed europeo. Oggi attuare un piano abitativo pubblico è possibile”.

“Con il presente documento siamo in questa IX Giornata nazionale Sfratti Zero a richiederLe di sostenere la richiesta al Governo che tra le priorità nell’utilizzo delle ingenti risorse derivanti dal Recovery Fund figuri un finanziamento pluriennale dotato di adeguate risorse che consente di rispondere efficacemente ad una vasta precarietà abitativa resa ancora più drammatica dalle misure e dagli effetti dell’emergenza sanitaria Covid-19 – conclude l’Unione Inquilini -. Ma siamo anche a richiederle che a livello locale l’Amministrazione comunale e la Prefettura si attivino concretamente per non lasciare che la questione abitativa sia o diventi esclusivamente una questione di ordine pubblico”.

Puppi: “Civitavecchia caratterizzata da un forte disagio abitativo”

“L’Unione Inquilini di Civitavecchia le rimette la lettera predisposta dalla Segreteria Nazionale Unione Inquilini inviata a sindaci – dice Maurizio Puppi, dell’Unione Inquilini Civitavecchia -, assessori e prefetti in occasione della IX Giornata nazionale Sfratti Zero, in svolgimento il 10 ottobre 2020. L’Unione Inquilini di Civitavecchia partecipa alla giornata perché la nostra città è caratterizzata da un forte disagio abitativo rappresentato dalle numerose convalide di sfratto pronunciate dal Tribunale, la cui esecuzione è sospesa fino al 31 dicembre 2020″.

“Circa 600 famiglie rimangono in graduatoria e attendono da anni l’assegnazione della casa popolare – prosegue Puppi -, perché non si reperiscono nuovi alloggi ERP; manca una politica abitativa per il riuso del patrimonio pubblico e privato lasciato in abbandono che potrebbe essere destinato ai fini di edilizia residenziale pubblica a canone sociale; oltre 400 famiglie hanno fatto richiesta del contributo straordinario per l’affitto nell’emergenza Covid e attendono ancora di ricevere il pur minimo contributo. La precarietà abitativa di tante famiglie di Civitavecchia in condizioni economiche disagiate è diventata ancora più pesante in conseguenza degli effetti dell’emergenza Covid. La invitiamo pertanto ad attivarsi per sostenere le richieste avanzate nella lettera della Segreteria nazionale e le chiediamo di assumere tutte le iniziative atte a dare risposte concrete alle questioni sollevate e alle attese dei cittadini a cui viene negato il diritto inalienabile alla casa”.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Civitavecchia
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Civitavecchia 

Più informazioni su