Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

C’è movimento nel centrodestra, nasce il Comitato spontaneo per Fiumicino

Il neonato Comitato sarà da supporto al Centro studi ideato e presieduto da Mario Baccin

Più informazioni su

Fiumicino – In questi giorni, si è svolto ad Isola Sacra un incontro tra cittadini, liberi professionisti e imprenditori, alla presenza del Presidente Mario Baccini, il quale è intervenuto per porgere un saluto ad amici di vecchia e nuova data, al termine del quale, si è visto dare alla luce il Comitato spontaneo per Fiumicino.

“Tale comitato, che sarà da supporto al Centro studi ideato e presieduto dallo stesso Mario Baccini – spiega una nota del neonato comitato, in attesa di definire i ‘quadri’ di riferimento –  incarna i sani valori di centrodestra pur non inquadrandosi in alcuno dei partiti, che il panorama politico locale non offre, mosso principalmente da un alto senso civico, a sostegno di chi, per la prima volta nel nostro territorio, mette in cima a qualsiasi preesistente gerarchia prima i cittadini, le idee, i programmi e poi tutto il resto.

Sarà un gruppo di persone, aperto a chiunque voglia seriamente e senza filtri, mettersi a disposizione di un progetto, che abbia come unico fine, il cercare di migliorare le condizioni di vita che questo Comune offre, per le presenti, ma soprattutto per le nuove generazioni, verso le quali abbiamo il dovere di lasciare loro, un posto in cui crescere, studiare, lavorare e vivere al meglio.

Ognuno porterà le proprie competenze, conoscenze in certe materie, idee ed esperienze, un vero e proprio know-how, propedeutico al programma di interventi, indispensabili alla crescita della nostra città, che il suddetto Centro studi vuole portare avanti.

Proprio dallo studio del territorio, delle risorse che offre, quali le attività legate al settore ittico e balneare, quelle legate alla presenza dell’aeroporto e del suo indotto, quelle del settore agricolo e di quello turistico, ma anche delle criticità e carenze, come l’assenza di strutture sanitarie adeguate, l’insufficienza numerica di istituti scolastici, specialmente di secondo grado, l’inadeguatezza dei trasporti e l’annosa questione che vede alcune frazioni del territorio, quali Isola Sacra, ancora non messe in sicurezza dal pericolo alluvioni, sarà mirata l’azione di questo Comitato, a cui si aggiungeranno via via altri argomenti, meritevoli di interesse ed attenzione.

Purtroppo il nichilismo programmatico di queste ultime consiliature di sinistra, è sotto gli occhi di tutti e non deve assolutamente ripercuotersi sui cittadini, già fortemente provati economicamente e socialmente, da questa pandemia, la quale al contempo, ha fatto emergere tutti quei limiti e criticità, del nostro territorio, mai affrontati e risolti.

L’intento e la speranza, sono porre le basi di un cambiamento culturale di approccio alla vita politica di Fiumicino, un sano attivismo e una sana partecipazione, che possano forgiare una nuova classe dirigente, scevra dalle classiche e stantie logiche di partito, immersa nel tessuto socio-economico del territorio, la quale grazie ad una competente e condivisa guida, possa governare al meglio questa città, sulla base appunto di programmi che saranno sempre la fonte ispiratrice dell’operato dei futuri amministratori locali. Fiumicino e tutti i suoi cittadini – conclude la nota – , hanno tutto il diritto di ambire ad una qualità di vita migliore”.

Più informazioni su