Seguici su

Cerca nel sito

L’Italremo agli Europei: la squadra azzurra maschile per le medaglie

Prenderà il via da domani a Poznan la competizione continentale. A Lucerna furono sette le medaglie vinte. Si può migliorare il bottino

Poznan – Il viaggio all’interno dell’Italremo che questo venerdì inizierà le gare degli Europei Assoluti di canottaggio finisce con la panoramica del settore Senior maschile, forte di sei equipaggi, quattro dei quali già qualificati per i Giochi Olimpici di Tokyo.

Il primo di questi è il singolo, dove è confermatissimo Simone Martini (SC Padova), che dopo l’exploit dello scorso anno ai Mondiali di qualificazione olimpica di Linz, scende in acqua sul lago Malta con l’obiettivo di migliorare il diciassettesimo posto degli Europei del 2019 a Lucerna.

Qualificato e confermato anche il due senza già campione mondiale Assoluto nel 2017 di Giuseppe Vicino e Matteo Lodo (Fiamme Gialle). Come a Linz ritorna insieme la coppia che fece sognare il mondo remiero a Sarasota tre anni fa, con Vicino che ritrova il compagno di bronzo olimpico Lodo nella loro barca, dopo che lo scorso anno con Giovanni Abagnale a Lucerna concluse ai piedi del podio.

Armo totalmente rinnovato è quello del doppio – ancora in cerca della carta olimpica – che conta sulla giovane freschezza di Emanuele Fiume (Fiamme Gialle/Pro Monopoli) e Andrea Cattaneo (Carabinieri/SC Bissolati). Entrambi con grande esperienza giovanile nella specialità – Fiume è stato campione mondiale Junior nel 2015, Cattaneo lo è stato Under 23 appena l’anno scorso – cercheranno di farsi trovare pronti, consapevoli che da Poznan scatta la caccia al pass olimpico per il 2021 per il doppio azzurro. Lo scorso anno a Lucerna, Andrea era già titolare della barca che chiuse l’esperienza continentale al nono posto, mentre Fiume torna titolare all’Europeo dopo che sul Rotsee ricoprì il ruolo di riserva.

Confermati sul quattro senza i protagonisti della qualifica a cinque cerchi, ovvero Matteo Castaldo (Fiamme Oro/RYCC Savoia), Bruno Rosetti (CC Aniene), Giovanni Abagnale (Marina Militare) e Marco Di Costanzo (Fiamme Oro). Viene confermato in toto dunque la formazione di Linz, con tre quarti della barca che a Lucerna si piazzò quinta: l’eccezione rispetto allo scorso Europeo è rappresentata dal bronzo olimpico Abagnale al posto di Cesare Gabbia, ai box per questo Europeo dopo un fastidioso infortunio che lo ha costretto fuori per alcune settimane.

Ovviamente – essendo impossibilitati a partecipare a questo Europeo per le loro ben note ragioni fisiche Filippo Mondelli e Andrea Panizza – cambia faccia anche il quattro di coppia vicecampione d’Europa in carica: al primo e al secondo carrello siedono sempre rispettivamente Giacomo Gentili (Fiamme Gialle/SC Bissolati) e Luca Rambaldi (Fiamme Gialle), e con loro saranno dell’avventura Simone Venier (Fiamme Gialle) e Luca Chiumento (Fiamme Gialle/SC Padova). Venier non ha bisogno di presentazioni: dopo l’Europeo 2019 in otto e il Mondiale di Linz in doppio, a 36 mette la sua esperienza al servizio della Nazionale risalendo su quel quattro di coppia sul quale ha vinto l’argento olimpico a Pechino 2008 e l’argento iridato ai Mondiali del 2010. Chiumento invece, dopo due anni di successi in doppio, torna al quadruplo, specialità in cui si è laureato vicecampione del mondo Under 23 nel 2018.

Infine, un rinnovatissimo otto punterà a far meglio della sesta piazza di Lucerna 2019 (nella foto sopra), con l’obiettivo di scaldare i motori in vista della qualifica per Tokyo. Dell’ammiraglia che ai Mondiali Assoluti del 2017 a Sarasota vinse quello straordinario bronzo ancora nella memoria di tutti rimangono il timoniere Enrico D’Aniello (Fiamme Oro/RYCC Savoia), il capovoga Leonardo Pietra Caprina (Fiamme Gialle/CC Aniene) e con loro Davide Mumolo (Fiamme Oro/SC Elpis) e Mario Paonessa (Fiamme Gialle). Per il resto, largo ai giovani con Alfonso Scalzone, Salvatore Monfrecola, Aniello Sabbatino (RYCC Savoia), Emanuele Gaetani Liseo (SC Telimar) e Matteo Della Valle (Moltrasio). Tutti naturalmente sono al debutto internazionale nel 2020, fatta eccezione per Sabbatino e Della Valle, entrambi argento agli Europei Under 23 nel quattro senza a Duisburg un mese fa. Con loro su quella barca in Germania sedevano anche Davide Comini (Moltrasio) e Jacopo Frigerio (SC Lario), che a Poznan saranno le riserve del gruppo Senior maschile.

(fonte@canottaggio.org)