Seguici su

Cerca nel sito

Coronavirus, ancora numeri importanti a Latina: 149 casi positivi e un decesso

Da Minturno il sindaco informa; "Sono tutti negativi gli studenti che erano stati sottoposti a quarantena"

Sono anche oggi numeri importanti quelli che l’Azienda sanitaria locale diffonde sui casi positivi al coronavirus nella provincia pontina, con un decesso e ben 48 casi a Latina.

“Rispetto alla giornata di ieri – scrive l’Asl nel bollettino odierno – si registrano 149 nuovi casi positivi, 15 ad Aprilia, 1 a Campodimele, 1 a Castelforte, 26 a Cisterna di Latina, 2 a Cori, 14 a Fondi, 2 a Formia, 2 a Gaeta, 2 a Itri , 48 a Latina, 5 a Lenola, 8 a Minturno, 1 a Monte San Biagio, 2 a Pontinia, 3 a Priverno, 1 a Roccagorga,1 a Sabaudia, 3 a Sezze, 1 a Spigno Saturnia e 11 a Terracina.

Si rammenta che “in ragione dell’elevato numero di positivi riscontrati presso una struttura socio assistenziale di Itri, è stata attivata l’Unità di Crisi: i pazienti unitamente al personale dipendente attualmente presenti nella struttura sonosottoposti a telemonitoraggio”.

Restano attive le postazioni di drive in a Gaeta Priverno e Aprilia per accedere alle quali è necessaria prenotazione.

E proprio da una delle postazioni permanenti di drive in, quello di Gaeta, arrivano notizie positive per il Comune di Minturno. “Tutti negativi – fa sapere il sindaco Gerardo Stefanelli – i ragazzi, precedentemente posti in quarantena, frequentanti le scuole medie di Scauri e di Minturno e le scuole elementari di Minturno alta”.

Seppure sempre a Minturno resta da “riscontrare una positività, con il tampone molecolare, tra i ragazzi del liceo scientifico già in quarantena dalla settimana scorsa. Due, invece – spiega ancora il primo cittadino – sono le positività da riscontrare per un ragazzo e una ragazza residenti in altri Comuni che frequentano altre classi del liceo scientifico.

Domani proporrò alla giunta comunale di avviare, con fondi comunali, uno screening generale su tutte le scuole elementari e medie del Comune. Facciamo noi qualcosa in più rispetto ai protocolli ordinari”.

(Il Faro online)