Seguici su

Cerca nel sito

Perrino all’Open d’Italia di golf, Chimenti: “Una grande gara, la sua presenza è una vittoria”

L’atleta paralimpico ha partecipato all’edizione 2020 dell’evento. Non è salito sul podio, ma ha fatto una grande gara

Roma – Un Open d’Italia indimenticabile, vinto ancor prima di scendere in campo. Tommaso Perrino, campione paralimpico alla sua prima partecipazione alla massima manifestazione golfistica italiana, non è riuscito a superare il taglio fermandosi al 112° posto con 151 colpi (75 76 +7) ma la caparbietà e la passione che hanno caratterizzato ogni suo colpo ne fanno il vincitore morale di questa edizione. Un sogno trasformato in realtà grazie all’invito del presidente della Federazione Italiana Golf Franco Chimenti che conferma la forza inclusiva di uno sport che va oltre ogni barriera.

Una partecipazione, quella del golfista livornese, che si inserisce nel percorso che porterà, nel 2023, alla Ryders Cup 2023 di Roma, che fa dell’inclusione e dell’integrazione uno dei punti fondamentali dell’evento capitolino.

Siamo riusciti a dimostrare che un atleta disabile come Tommaso Perrino può partecipare, a tutti gli effetti, a una gara tanto importante come l’Open d’Italia – ha commentato il Presidente di Federgolfla sua presenza in gara è stata una vittoria, e sono veramente felice di essere riuscito a far si che tutto ciò accadesse“.

Per la cronaca, la 77esima edizione dell’Open d’Italia – che si è svolta per la prima volta sul percorso dello Chervò Golf Club San Vigilio (par 72), a Pozzolengo (Brescia) – è stata vinta dall’inglese Ross McGowan, che ha avuto la meglio sul connazionale  Laurie Canter e sul belga Nicolas Colsaerts, secondi con 269 (-19).

(fonte/foto@cip.it)