Seguici su

Cerca nel sito

Covid-19: la Francia torna in lockdown, Germania e Inghilterra verso nuove strette

Sono 33.417 i nuovi casi di coronavirus registrati in Francia nelle ultime 24 ore, 367 i morti legati alla pandemia di Covid registrati nel Regno Unito in un giorno

Londra – Dovrebbe entrare in vigore giovedì a mezzanotte un nuovo lockdown in Francia. Lo riporta l’emittente ‘Bfmtv’, spiegando che la decisione dovrà essere confermata domani dal governo. Il lockdown, secondo la tv, dovrebbe durare un mese ed essere meno rigido del precedente. Questa sera alle 20 è previsto un discorso del presidente Macron alla nazione.

CORONAVIRUS

Sono 33.417 i nuovi casi di coronavirus registrati in Francia nelle ultime 24 ore, mentre i decessi sono 523, di cui 288 in ospedale e 235 in case di riposo. I dati del bollettino giornaliero delle autorità sanitarie portano a 1.198.695 il numero totale dei contagiati dall’inizio dell’epidemia, mentre i morti salgono a 35.541.

Nuove strette in Germania

Bar e pub chiusi, consentito solo l’asporto. Limitati gli incontri. Chiusi cinema, teatri, piscine e palestre. Pernottamenti negli alberghi consentiti solo per valide ragioni. Sono queste alcune delle nuove misure che, secondo bozze di provvedimenti visionati dall’agenzia Dpa, sarebbero la proposta della Germania per contrastare la diffusione del coronavirus. Misure che dovrebbero scattare il 4 novembre e rimanere in vigore almeno fino a fine mese. E che la cancelliera Angela Merkel sottoporrà ai governatori dei 16 Land durante una riunione in videoconferenza.

La Germania registra 14.964 nuovi casi di Covid-19. Si tratta del dato più alto dall’inizio dell’emergenza sanitaria. Il bollettino dell’Istituto Robert Koch parla anche di altri 85 decessi a causa della pandemia di coronavirus, facendo salire il bilancio dei contagi a 464.239 e dei morti a 10.183 morti dall’inizio dell’emergenza sanitaria.

La bozza prevede anche la chiusura di centri estetici, centri massaggi e studi di tatuaggi. Non ci dovrebbero essere novità per la vendita al dettaglio, così come per parrucchieri. Anche scuole e asili nido dovrebbero rimanere aperti, ma con nuovi protocolli. Nella bozza si sottolinea la necessità di “un altro sforzo congiunto, come a primavera”, in modo da ‘salvare’ gli incontri tra parenti e amici durante il Natale.

Dati allarmanti in Inghilterra

Sono 367 i morti legati alla pandemia di Covid registrati nel Regno Unito nelle ultime 24 ore, il bilancio più grave della scorso 27 maggio e in linea con le 374 vittime toccate il 30 marzo, una settimana dopo l’inizio del lockdown nazionale. Secondo i dati indicati dalle autorità sanitarie britanniche, nel Paese si sono contati anche 22.855 nuovi casi, circa duemila in più di quelli confermati ieri. Dati che stanno facendo riflettere le autorità sull’intraprendere nuove restrizioni. (fonte Adnkronos)