Seguici su

Cerca nel sito

Le Rubriche di Il Faro Online - Cinema

Cinema in lutto, è morto Sean Connery: l’attore scozzese aveva 90 anni

Tra i tanti riconoscimenti ottenuti in carriera, tra Oscar e Golden Globes, spicca anche un Telegatto

Roma – E’ morto Sean Connery. Lo annuncia la Bbc. L’attore scozzese aveva 90 anni. In Italia non si faceva vedere dal 2007 quando venne alla Festa del Cinema di Roma per ritirare un premio alla carriera (il Marco Aurelio d’oro) che fa bella mostra di se in una bacheca spoglia di riconoscimenti pari al suo successo: un Oscar come miglior attore non protagonista (per “Gli intoccabili” di Brian De Palma), tre Golden Globes, un po’ di ovvi riconoscimenti in patria e una trentina di premi alla carriera (tra cui perfino un Telegatto).

Connery si è spento nella notte alle Bahamas, circondato dalla sua famiglia, come ha detto il figlio Jason in una dichiarazione alla Bbc. L’attore “da qualche tempo non stava bene”. Accanto, “aveva molti dei suoi familiari, che hanno potuto raggiungerlo alle Bahamas. Stiamo tutti cercando di comprendere l’enormità di questo evento che si è appena verificato, anche se mio padre non stava bene da qualche tempo. E’ un giorno triste per quelli che conoscevano e amavano mio padre e per tutti coloro che nel mondo hanno potuto godere del dono meraviglioso che aveva come attore“.

L”attore aveva dovuto fare i conti con le indiscrezioni relative al morbo di Alzheimer e alle conseguenze della malattia. Anni fa, la sua portavoce Nancy Seltzer era dovuta intervenire dopo alcune dichiarazioni rilasciate da Michael Caine: “Sean Connery è minato dall’Alzheimer”, aveva detto il collega. Seltzer definì “ridicola” la tesi, suggerendo che le parole di Caine fossero state fraintese. Seltzer, nel 2011, aveva confermato che Connery si era ufficialmente ritirato dalle apparizioni pubbliche specificando però che era in buona salute “mentale e fisica”.

Ma Sean Connery, nato a Edimburgo da un camionista e una cameriera, non ne ha mai fatto un dramma: “scambierei perfino l’Oscar – ha detto – per una vittoria al Masters di golf. Ma non sono abbastanza bravo, purtroppo”. Va molto fiero invece delle sue lauree honoris causa alle università di Edimburgo e St.Andrews e dell’omaggio speciale riservatogli da Harward dopo la parte dell’ispido scrittore di “Finding Forrester”, diretto da Gus Van Sant nel 2000.

Connery, che ha legato buona parte della carriera al personaggio di James Bond, è stato il primo attore ad interpretare sul grande schermo lo 007 più famoso della storia del cinema: in particolare, è stato protagonista di 7 film della lunghissima saga. (fonte Adnkronos)