Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Covid-19, Fondi Vera propone: una commissione consiliare per l’emergenza

L'idea di migliorare l’operato istituzionale attraverso una serie di provvedimenti e collaborazioni

Fondi Vera chiede all’amministrazione comunale “l’istituzione di una Commissione consiliare speciale che si occupi a 360 gradi dell’emergenza sanitaria da Covid-19, senza alcun gettone di presenza per i membri che ne faranno parte”.

Questa è la proposta che il consigliere comunale Francesco Ciccone ha presentato ieri in Municipio.

Un’idea che mira a “migliorare l’operato istituzionale in questo particolare momento storico, attraverso una serie di provvedimenti, collaborazioni, attività che permettano ai cittadini di sentire davvero vicino il Comune, ad esempio con l’audizione di rappresentanze scolastiche, imprenditoriali, associazioni di categoria. Per prevenire il moltiplicarsi di situazioni di disagio che abbiamo già vissuto nei mesi scorsi”.

Il consigliere Ciccone precisa ancora che “si tratta di un organismo da istituire con lo scopo di raccogliere le criticità, monitorare l’evolversi dei riflessi economici connessi alla situazione emergenziale da Covid-19, recepire le esigenze dei diversi settori, dei cittadini e delle categorie più deboli.

Per studiare e – continua il consigliere di Fondi Vera – proporre iniziative volte al sostegno dei settori economici, progetti territoriali e ogni altra attività volta a far ripartire la città. Ma anche monitoraggio dei servizi comunali e delle relative tariffe, ed eventuale loro rimodulazione alla luce delle difficoltà che il territorio sta affrontando, ed un’azione in ambito sociale per sostenere le famiglie, la scuola, i giovani e gli anziani. Infine un accurato controllo dei servizi sanitari e delle iniziative comunali di pubblica sicurezza. Come d’altronde un’amministrazione comunale e – conclude Ciccone – il primo cittadino in particolare hanno il dovere di fare”.

A tal riguardo, con l’occasione, Fondi Vera chiede ufficialmente al sindaco Bemiamino Maschietto di “chiarire se e come intende coadiuvarsi con le dirigenze scolastiche per garantire accessi differenziati, quando si procederà alla creazione di percorsi diversi ed orari scaglionati per evitare assembramenti nei pressi delle scuole, se è prevista una rimodulazione del traffico in prossimità dei plessi scolastici, se l’amministrazione comunale ha preso in considerazione l’idea di aumentare le disponibilità e le corse per quanto concerne il trasporto pubblico locale e scolastico, se il Comune ha studiato la possibilità di offrire spazi pubblici ‘outdoor’ alternativi a scopi educativi e formativi anche ad associazioni ed enti del Terzo settore, se l’ente sta verificando ed accertando le difficoltà o meno delle famiglie ad ottenere dai medici le certificazioni necessarie ed indispensabili per il rientro in classe dei propri figli, ed infine se è previsto un prolungamento del drive in che nella giornata di mercoledì 4 novembre ha interessato i bambini segnalati dall’Asl”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Fondi
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Fondi