Seguici su

Cerca nel sito

Covid-19, i ristoratori di Fiumicino: “Vogliamo il quadro reale dei contagi, basta pubblicità negativa”

L'Associazione Lungomare della Salute: "Il lock-down ancora non c'è ma la paura instillata nelle persone sta facendo anche peggio"

Fiumicino – “Sappiamo bene, forse più di tutti, che convivere con il virus significhi mettere davanti a tutto la salute. L’abbiamo fatto seguendo alla lettera, in maniera più che maniacale, le direttive contenute nei vari Dpcm“. Così, in una nota stampa, L’Associazione  Lungomare della Salute di Fiumicino.

“Altrettanto bene sappiamo che vada tenuta la guardia alta, – prosegue l’Associazione – ma le comunicazioni che arrivano dagli enti istituzionali devono essere date con la giusta attenzione per evitare che una continua a martellante pubblicità negativa possa nuocere ulteriormente al settore della ristorazione. Il lock-down ancora non c’è ma la paura instillata nelle persone sta facendo anche peggio.

Ecco perché chiediamo al Comune di Fiumicino che accanto ai quotidiani annunci del peggioramento dei casi venga fornito anche l’indice di contagio e il numero dei guariti. Questo per dare all’esterno un quadro reale della situazione e non far passare il nostro territorio per una ‘zona rossa’”.

“Gli oltre 180 casi, su una popolazione di oltre 85mila persone, – conclude – sono un segnale che bisogna continuare a rispettare le regole. Cosa che noi facciamo. Ma anche che per fortuna Fiumicino, grazie alla grande intelligenza dei suoi cittadini e dei locali sta contenendo la diffusione di questo maledetto virus”.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Fiumicino
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di FiumicinoSe