Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Arianna Errigo guarita dal Covid-19: “Essere negativi è una fortuna!”

La pluricampionessa olimpica di scherma è finalmente negativa al tampone. Un lungo periodo di isolamento a casa e poi la bella notizia

Roma - Una stoccata gloriosa per riacquistare la salute. Arianna Errigo, dopo essere stata trovata positiva al Covid-19 lo scorso 20 ottobre, può finalmente tornare a sorridere. La pluricampionessa olimpica e mondiale di fioretto e atleta dei Carabinieri è negativa al tampone effettuato.

Lo ha annunciato lei stessa sulla sua pagina ufficiale Instagram: “Quando essere negativi è una fortuna!”. Non si è fermata mai una delle atlete più decorate della scherma italiana nel mondo. Si è allenata e ha mantenuto la sua forma fisica. E con molta gioia, come lei stessa ha mostrato in una bellissima foto, ha già allestito un bellissimo albero di Natale. Lo ha fatto durante l’isolamento forzato: “Ciao amici ecco il risultato della mia quarantena”. Lo scrive lei stessa su Instagram, posando accanto all’albero fatto.

 

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Quando essere negativi è una fortuna! 🎉 . . . . #negative #covid_19 #fencing #fencer #scherma

Un post condiviso da Arianna Errigo (@aryerri) in data:

Arianna Errigo, Elisa Di Francisca e Valentina Vezzali alle Olimpiadi

Arianna è una leggenda nel mondo delle pedane internazionali. E’ una delle campionesse simbolo della scherma azzurra. Sempre vittoriosa nelle competizioni internazionali alle quali ha partecipato. Ha vinto due titoli mondiali. Uno nel 2013 e uno nel 2014. Ha conquistato la Coppa del Mondo di specialità nel 2009, nel 2012, nel 2013 e nel 2014. Due medaglie olimpiche messe al collo e nella stessa Olimpiade. Un oro a Londra 2012 nella gara a squadre e un argento individuale. 18 allori mondiali vinti. Nel 2017 doppia gioia a Lipsia per la Errigo. Un oro a squadre e un bronzo individuale. In bacheca brillano anche gli undici ori vinti agli Europei, insieme alle altre sei medaglie continentali conquistate.

(foto@AugustoBizzi)

 

(Il Faro online)