Seguici su

Cerca nel sito

Covid-19, dalla Regione Lazio oltre 6 milioni di euro a fondo perduto per Taxi e Ncc

I fondi saranno assegnati con un avviso pubblico che sarà pubblicato a breve e sarà gestito da Lazio Crea

Roma – “La giunta regionale del Lazio ha approvato questa mattina lo stanziamento di 6,2 milioni di euro a favore di Taxi e Ncc, un sostegno concreto agli operatori del settore del trasporto pubblico locale non di linea che sarà utile a compensare i danni economici causati dall’emergenza epidemiologica. Il contributo servirà anche a mantenere attivo il servizio alternativo a quello di linea”.

Con queste parole il Presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti ha annunciato che questa mattina la Giunta Regionale ha approvato una delibera – proposta dall’assessore allo Sviluppo Economico, Commercio e Artigianato, Ricerca, Start-up e Innovazione, Paolo Orneli, di concerto con il vicepresidente e assessore al Coordinamento dell’Attuazione del programma di governo e dei Fondi Comunitari, Daniele Leodori, e con l’assessore ai Lavori Pubblici e Tutela del Territorio, Mauro Alessandri – che stanzia complessivamente 6.200.000 € di indennizzi che saranno versati a fondo perduto, tramite bando , ai titolari di licenze di taxi (anche ai conducenti membri di una cooperativa) o di autorizzazioni per l’esercizio del servizio di Ncc.

Ogni operatore taxi in servizio riceverà 700 euro; una somma che, nel caso dei soggetti titolari di autorizzazione Ncc, può arrivare, con un meccanismo a scalare, fino a un massimo di 1.600 euro per coloro che siano in possesso di più autorizzazioni (massimo tre).

I destinatari della concessione sono i titolari di licenza per l’esercizio del servizio di taxi o di autorizzazione per l’esercizio del servizio di noleggio con conducente rilasciate nel territorio della Regione Lazio che ne siano i reali utilizzatori e che possano autocertificare l’utilizzo continuativo della licenza almeno dall’11 luglio scorso, data ultima del precedente bando di sostegno ai lavoratori del settore del trasporto non di linea.

I fondi saranno assegnati con un avviso pubblico che sarà pubblicato a breve e sarà gestito da Lazio Crea.

“Tutti i nostri sforzi – ha dichiarato il vice presidente della Regione Lazio, Daniele Leodori – sono indirizzati a combattere la pandemia sul fronte sanitario, da un lato, e ad abbattere le conseguenze di questo vero e proprio shock economico che si è abbattuto sulle nostre attività produttive, dall’altro. Grazie a norme più flessibili sugli aiuti di Stato adottate dalla Commissione europea, possiamo intervenire con questa ulteriore forma di ristoro per sostenere taxi e Ncc che hanno subito danni ingenti, così da garantire un’offerta alternativa al trasporto pubblico locale, che sia più sicura e adeguata alla complessa situazione che stiamo affrontando”.

“Il settore del trasporto pubblico non di linea è stato uno dei più colpiti dal lockdown di primavera e anche nei mesi successivi la sua situazione è rimasta difficile – ha dichiarato l’assessore Paolo Orneli – i circa 11mila autisti di taxi e vetture di Ncc del Lazio hanno continuato responsabilmente ad assicurare un servizio pubblico alla cittadinanza nonostante il calo a tratti drastico della clientela e il perdurare delle difficoltà. Ed è per questo che, dopo il primo provvedimento della scorsa primavera abbiamo deciso di dare loro un altro segno tangibile della vicinanza e dell’attenzione della Regione per aiutarli a resistere fino al termine dell’emergenza.”

“La delibera di oggi rappresenta un atto di vicinanza ai lavoratori del servizio taxi e ncc della nostra regione che hanno subito profonde perdite economiche a causa del Covid. A questa iniziativa seguirà la consegna di 60mila mascherine per il comparto e nuove disposizioni in materia di sicurezza a bordo dei mezzi, che tutelino maggiormente lavoratori e utenti. Infine sono allo studio altre misure che consentano a tutto il settore del TPNL di superare la crisi, anche grazie alla possibile apertura a nuove forme di mercato.” – così Mauro Alessandri, assessore alla Mobilità.