Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Fallimento della Latina Ambiente, Codici sollecita l’intervento della Procura

L'associazione auspica che dai giudici arrivino notizie che possano tranquillizzare i cittadini

Latina – Codici, associazione di Latina esamina l’operato dell’amministrazione comunale di Latina attraverso una serie di elementi che la inducono a sottolineare come “Il comune passa da uno scivolone ad un capitombolo ad un ruzzolone”.

In particolare l’associazione, tramite il suo presidente Antonio Bottoni evidenzia: “La Sentenza del Tar Lazio che ha recentemente annullato la gara di ABC per l’acquisto dei compattatori, oltre a questioni ben note, riguardanti i controversi rapporti con Ipogeo Latina, gestore del Cimitero urbano, dello spostamento della sede del deposito degli autobus del trasporto pubblico, della situazione del Porto Canale di Rio Martino ed, ancora, alla Metroleggera, alle Terme di Fogliano, e altro ancora”.

Bottoni sottolinea: “E’ a dir poco strabiliante che ci si trovi dinanzi a procedure di aggiudicazione tali che riescano a far annullare gli atti solo perché, in base a quanto è dato leggere, non sarebbero stati verificati i requisiti degli automezzi proposti dalla ditta aggiudicataria. Chi è chiamato ad esaminare le carte di certe procedure, dovrebbe avere la competenza necessaria per poter ricoprire questo incarico.

E’ retorico chiedersi se i soggetti prescelti fossero in possesso di questi requisiti?
Se sì, come è possibile incorrere in errori così marchiani?”

Codici si sofferma sul “danno economico, dovuto alle spese di soccombenza nel giudizio”, ma anche “sulle conseguenze facilmente ipotizzabili relative alle penalizzazioni dovute al perdurare del mancato raggiungimento di percentuali accettabili di raccolta differenziata (ricordando che, invece di aumentare questa percentuale oggi è persino peggiore rispetto a quella di cinque anni fa), fino al danno ambientale. Ci chiediamo come mai tutto ciò e bisogna chiedersi anche se a Via Ezio si stia pensando di aprire un fascicolo di indagine in merito”.

Ma non sarebbe solo questo l’argomento che lascia perplessa l’associazione la quale si sofferma anche: “Sul fallimento della Latina Ambiente: un fallimento multimilionario di cui rischiano, ovviamente, di pagare le conseguenze economiche i cittadini di Latina.

Ci si chiede se sia tutto chiaro nella conduzione del periodo precedente il fallimento ed in quello ancor più risalente che ha prodotto un debito, accertato dai Commissari liquidatori, che molto probabilmente, potrebbe superare di gran i 20 milioni di euro.

Tutti i soggetti interessati che hanno ricoperto incarichi negli ultimi 5 anni ed in quelli precedenti hanno fatto il loro dovere?

Esistono segnalazioni alla Procura della Repubblica da parte di chi di dovere per l’accertamento di eventuali condotte illecite?”

Codici, come associazione di tutela dei diritti dei cittadini, pone delle domande “per fare in maniera che i cittadini siano tranquillizzati che chi ha amministrato e chi amministra abbiano fatto fino in fondo il suo dovere di buon amministratore, perché ciò che si legge non porterebbe a essere troppo ottimisti. L’augurio è che anche dalla Procura della Repubblica si venga a conoscere qualche notizia che possa tranquillizzare i cittadini che è tutto a posto, oppure, per converso, che faccia sapere se vi siano indagini per il perseguimento di eventuali reati commessi da amministratori pubblici.

Questo perché, se vi sono soggetti pagati con denaro pubblico che si siano macchiati di condotte illecite, è giusto che i cittadini, nel rispetto delle leggi e delle procedure previste, ne vengano messi a conoscenza e possano sperare nella giusta punizione, secondo le leggi penali vigenti nel nostro Stato e non debbano giungere alla conclusione che finirà tutto a tarallucci e vino”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Latina
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Latina