Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Il Comune di Sabaudia regala una targa all’Avis per i suoi primi 40 anni di attività

Il sindaco ha sottolineato: "Il Covid non ci ha permesso di festeggiare, ma la giornata non poteva passare inosservata"

Sabaudia – L’Avis comunale di Sabaudia festeggia i suoi primi quarant’anni di attività sul territorio, un’azione mirata e sinergica che ha contribuito a sviluppare nella comunità sentimenti di altruismo e generosità attraverso la donazione del sangue e un’opera di sensibilizzazione anche in merito alla promozione della salute e del benessere della persona.

uattro decenni di lavoro che oggi portano l’associazione e suoi volontari a partecipare in maniera importante all’approvvigionamento di sangue nel territorio regionale, contribuendo a salvare numerose vite umane.

Nella giornata di ieri 18 dicembre, giorno di fondazione della sezione di Sabaudia dell’Avis, il sindaco Giada Gervasi ha ricevuto il presidente in carica Armando Bianchet e alcuni volontari, per festeggiare simbolicamente questo primo ed entusiasmante traguardo raggiunto, proprio nel luogo in cui nello stesso giorno del 1980 veniva decretata la nascita ufficiale dell’associazione: l’aula consiliare.

Il primo cittadino, a nome dell’Amministrazione comunale e della comunità tutta, ha consegnato loro con una targa ricordo e omaggiato l’Avis con l’affissione in città dei manifesti celebrativi il suo quarantennale.

“Le misure Covid – ha commentato il sindaco Gervasi – non hanno permesso l’organizzazione di una festa per questo importante avvenimento, ma questa giornata non poteva passare inosservata, soprattutto perché l’opera dell’Avis, seppur con tutte le dovute prescrizioni e con diverse modalità di svolgimento, è proseguita senza sosta anche in questi difficili mesi di emergenza socio-sanitaria.

Il mio ringraziamento va a tutti coloro che negli anni hanno contribuito a rafforzare l’associazione e la sua identità, coinvolgendo e sensibilizzando la cittadinanza e formando intere generazioni di donatori, a quanti hanno creduto nella forza del dono e nell’importanza della donazione del sangue, vista come atto di solidarietà e prima ancora come un dovere civico”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Sabaudia
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Sabaudia