Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

L’allarme: “Senza asporto la ristorazione di Fiumicino rischia il tracollo definitivo”

L'associazione Lungomare della Salute: "Quello che noi chiediamo è di valutare attentamente l'efficacia delle misure messe in campo"

Fiumicino – “Se vietano anche l’asporto allora anche, e soprattutto, la ristorazione di grandi comuni come Fiumicino, che proprio grazie all’asporto è riuscita in qualche maniera a barcamenarsi e sopravvivere durante l’ultimo anno, rischia il tracollo definitivo“. Lo dichiara in una nota l’associazione Lungomare della Salute di Fiumicino, che rappresenta le attività di una delle zona più importanti e rappresentative di Fiumicino.

“Qui nessuno mette in dubbio l’esistenza del Covid. Quello che noi chiediamo – spiegano dall’associazione – è di valutare attentamente l’efficacia delle misure messe in campo che secondo il nostro punto di vista non hanno tutelato e non tuteleranno né la salute pubblica né l’economia. I continui cambi di ‘colore’, le chiusure annunciate di settimana in settimana e le restrizioni del weekend hanno disorientato tutti. I locali oggi si presentano vuoti o semivuoti. Le prenotazioni latitano. L’incertezza è, paradossalmente, l’unica certezza per tutti noi. Ora questa ennesima ipotesi rischia di essere la pietra tombale su un settore che a Fiumicino tra bar, ristoranti, pizzerie a taglio, pasticcerie ed esercizi commerciali vari conta un migliaio di attività. Chiusure e ristori, purtroppo esigui, non possono essere l’unica soluzione“, concludono.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Fiumicino
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Fiumicino