Seguici su

Cerca nel sito

Possanzini: “Fermare lo sfratto degli attivisti del centro sociale di Casal Bernocchi”

Il segretario di Sinistra Italiana X Municipio: "L'Amministrazione municipale grillina è fuori sintonia rispetto all'indirizzo tratteggiato dalla Sindaca"

Ostia – “Dopo quasi 5 anni, l’Amministrazione grillina finalmente ‘scopre’ la rilevanza sociale e culturale di associazioni e comitati, addirittura promettendo loro una forma di tutela”. E’ quanto si legge in una nota diffusa da Marco Possanzini, segretario di Sinistra Italiana X Municipio.

“Proprio la sindaca Raggi, attraverso una dichiarazione pubblica, apre le braccia anche a quelle associazioni e quei comitati che utilizzano parte del patrimonio indisponibile del Comune di Roma grazie ad assegnazioni provvisorie mai perfezionate nel tempo dagli uffici competenti. Siamo davanti ad una scelta politica tardiva, che ha già determinato l’irreversibile logoramento, o peggio la fine, di tante esperienze importanti, fondamentali per la tenuta sociale della nostra città”.

“Per quasi 5 anni questa Amministrazione, brandendo come una clava la parola ‘legalità’, ignorando il valore sociale, civile e culturale del lavoro svolto da centinaia di attivisti ed attiviste, senza promuovere quindi alcuna distinzione, ha spedito lettere di sfratto, promosso ingiunzioni, inviato esorbitanti richieste di pagamento canone con la consapevolezza che nessuno avrebbe mai potuto far fronte a quelle cifre, attivato sfratti. All’improvviso però, arriva un cambio di rotta: contrordine”.

“Adesso, in attesa della Delibera di riordino del patrimonio immobiliare indisponibile del Comune di Roma, la sindaca Raggi addirittura promette tutele: ‘Garantiremo la possibilità di utilizzare i locali in concessione a tutte le associazioni che attualmente li occupano e che svolgono attività coerenti con l’originario titolo di assegnazione..’. Peccato che al Centro Sociale Casal Bernocchi, una realtà fra le tante pesantemente vessate, l’Amministrazione municipale grillina è fuori sintonia rispetto all’indirizzo tratteggiato dalla sindaca Raggi. Su questo specifico tema il Municipio X è in disaccordo con il Campidoglio? Ce lo dicano, ce lo spieghino”.

“Come accertato anche dal Tar in via cautelare, il Centro Sociale Casal Bernocchi utilizzava dei locali comunali in virtù di una risoluzione municipale votata decine di anni fa e mai perfezionata dagli uffici competenti con la necessaria determina dirigenziale, un’assegnazione imperfetta ma non certo per responsabilità degli attivisti e delle attiviste. Il Municipio X, però, ha proceduto con richieste di sfratto senza sentire ragioni e, in attesa della procedura ad evidenza pubblica per l’assegnazione dei locali, senza nemmeno lasciare temporaneamente la gestione dei locali in questione allo stesso Centro Sociale che animava quegli spazi”.

“Va precisato che le attività sociali e culturali, svolte dagli attivisti e dalle attiviste del Centro Sociale Casal Bernocchi, sono note a tutti. Ora la sindaca Raggi annuncia una delibera di giunta per prorogare le assegnazioni in essere fino all’approvazione di un regolamento per metterle a bando. In attesa di approfondire formalmente questa determina, l’Amministrazione municipale dovrebbe fare uno sforzo di buon senso e sotterrare l’ascia di guerra al fine di provare a salvare il salvabile. Si fermino tutte le procedure di sfratto gravanti su associazioni e comitati che utilizzano locali comunali anche con assegnazioni imperfette, così come tratteggiato dalla Sindaca, e si avvii immediatamente una discussione nella città che coinvolga e renda protagonisti tutti i soggetti interessati al fine di definire tutti e tutte insieme un percorso normativo ‘ad hoc’, con l’obiettivo quindi di definire le assegnazioni, che possa finalmente avere quegli elementi di giustizia, di equità, di riconoscimento del valore sociale e culturale delle attività svolte, che sono mancati in questi anni”.

“In virtù delle specifiche indicazioni date dalla sindaca Raggi, chiediamo alla presidente Di Pillo e all’assessore Paoletti di provare a distendere le tensioni innescate e cioè di cancellare, in attesa del regolamento che precederà il bando, lo sfratto del Centro Sociale Casal Bernocchi. Quell’esperienza culturale e sociale, ben conosciuta anche dalla Giunta di Pillo e dagli esponenti della maggioranza municipale, sostenuta da centinaia e centinaia di firme raccolte in poche ore questa estate proprio per fermare lo sfratto e chiedere il bando, non può e non deve essere calpestata”, conclude Possanzini.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ostia X Municipio
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Ostia X Municipio