Seguici su

Cerca nel sito

Sara Cardin vince a Caorle: “Strano gareggiare con i protocolli, ma felice di risalire sul tatami”

L’azzurra ha partecipato ad un evento organizzato dal Comitato Regionale del Veneto. Ha iniziato il 2021 con una vittoria beneaugurante

Venezia – Andata in scena a Caorle (Venezia) la competizione della categoria olimpica dei 55kg di kumite organizzata dall’Academy Ponte di Piave, in collaborazione con il Comitato Regionale Veneto Fjlkam (settore karate).

Le atlete partecipanti, oltre a Sara Cardin, erano la campionessa mondiale in carica Dorota Banaszczyk (POL), Li Lirisman (EST), Bettina Plank (AUT), Ivet Goranova (BUL) e Jennifer Warling (AUT). Una gara con soltanto sei atlete, ma fra le più forti al mondo della categoria.

Sara Cardin ha iniziato il 2021 con una bella vittoria. “Sono stati sei incontri molto difficili –racconta l’azzurra – Abbiamo fatto un girone all’italiana, in cui ho pareggiato il primo incontro contro Lirisman e poi ho vinto gli altri quattro incontri. In tutta la gara ho subito soltanto un punto e questo testimonia il fatto che stiamo lavorando bene. Il primo incontro è stato strano, perché tornavamo sul tatami dopo tanto tempo. Ero emozionata e c’era tanta tensione gara, perché non sapevo cosa sarebbe uscito di buono del mio bagaglio tecnico, cosa avrebbe funzionato e cosa no… Infatti, incontro dopo incontro sono cresciuta sempre di più, riuscivo a far fluire le tecniche, ad essere sempre più precisa e beccare il tempo nel modo migliore e alla fine sono riuscita a vincere”.

In classifica Sara è arrivata prima, e dopo di lei si sono posizionate la bulgara Goranova e la polacca Banaszczyk. “Strano organizzare una gara in questo periodo, perché ovviamente c’era tutto il protocollo Covid da rispettare. Ma ci sentivamo tutte sicure perché a livello organizzativo era tutto sistemato nei minimi dettagli. Il livello sia degli atleti che degli arbitri e dell’organizzazione era molto alto. La cosa più bella di tutte è, ovviamente, la ripartenza: poter tornare a combattere. Grazie all’impegno delle tante persone che hanno gestito l’organizzazione, abbiamo testimoniato che un modo per ripartire c’è. Tanto orgoglio per la mia regione, il mio paese e tutto lo staff che mi segue in questo cammino verso Tokyo. Voglio ringraziare i miei sponsor, come la LIS, Lavoro in Sicurezza, Adidas e Moretto Snc ”. (fonte/foto@fijlkam.it)