Seguici su

Cerca nel sito

Festa del Santo Patrono della Polizia Locale: cerimonie a Terracina, Sabaudia e San Felice

Un'occasione per manifestare apprezzamento per il grande impegno del Corpo

Festa del Santo Patrono della Polizia Locale: San Sebastiano.

Terracina Sabaudia e San Felice Circeo, nonostante le limitazioni imposte dalla pandemia non hanno voluto far passare in sordina la giornata dedicata agli uomini della Municipale con un gesto di riconoscenza per l’impegno profuso quotidianamente.

“Desidero rivolgere alle donne e agli uomini della Polizia Locale di Terracina – ha affermato il sindaco di Terracina Roberta Tintari – il mio sentito augurio di buona Festa di San Sebastiano e il mio personale ringraziamento per il lavoro che stanno svolgendo.

Mi spiace non poter celebrare insieme a voi questa giornata, come avviene ogni anno, ma voglio comunque esprimere il mio apprezzamento per il grande impegno del Corpo che, nonostante le molte difficoltà che stiamo affrontando, sia in termini di carenza di personale sia per l’emergenza sanitaria in corso, rappresenta uno dei punti fermi del Comune e della città. Un pensiero anche ai volontari della Protezione Civile che stanno coadiuvando la Polizia Locale in importanti attività quotidiane come, ad esempio, l’assistenza agli studenti all’esterno delle scuole”.

Il Comandante della Polizia locale di Terracina, Mauro Renzi, dal canto suo ha voluto ringraziare “il sindaco Tintari per gli auguri che ha voluto rivolgere al Corpo della Polizia Locale per la ricorrenza del nostro patrono. Purtroppo, per i motivi che ben conosciamo, quest’anno non è possibile celebrare pubblicamente San Sebastiano con il consueto rito religioso e la cerimonia ufficiale alla presenza delle autorità civili e militari. Non vogliamo però dimenticare una tradizione alla quale teniamo molto. Chiunque presti o abbia prestato servizio nel Corpo della Polizia Locale trova in questa giornata un riferimento o un ricordo di grande intensità.

Le sfide di questo tempo sono ardue per tutti e richiedono un impegno ancora maggiore, in virtù dell’aumentato numero e complessità di compiti del Corpo rispetto al passato e dell’esiguità di organico che affligge la gran parte della Pubblica Amministrazione, in particolar modo negli enti locali, circostanza che, a volte, rende complicato anche il disbrigo dell’ordinario.

La città di Terracina ha una dimensione sociale piuttosto articolata, fortemente caratterizzata da una geografia, anche umana ed economica, che concentra nel nostro Comune una sorta di compendio delle attività umane: mare, centro urbano, centro storico, periferie, campagna, colline e perfino montagna, tutti ambiti che richiedono attività amministrative estremamente variegate, competenze ampie e relazioni con decine e decine di enti diversi. Per la Polizia Locale tutto ciò si traduce in una molteplicità di servizi da assicurare, in termini di sicurezza e di legalità in senso lato, decisamente impegnativa.

L’emergenza sanitaria in corso ha ulteriormente ampliato il carico di incombenze, ma proprio questa esigenza ha fatto aumentare ancora di più lo sforzo della Polizia Locale sia nella gestione dei servizi, sia come parte integrante del sistema di controllo del territorio insieme alle altre Forze dell’Ordine, con le quali esiste un consolidato rapporto di proficua collaborazione.

Con il sindaco Tintari e l’Amministrazione Comunale ci confrontiamo ogni giorno sulle necessità dei cittadini e sulle esigenze operative del Corpo, cercando di trovare le soluzioni migliori in rapporto alle risorse disponibili.

Concludo augurando agli agenti della Polizia Locale di Terracina buona Festa di San Sebastiano e rivolgo il mio ringraziamento per il quotidiano lavoro svolto con serietà e professionalità. Mi unisco ai ringraziamenti del sindaco ai volontari della Protezione Civile il cui supporto nell’assistenza ai cittadini è sempre più preziosa”.

Anche Sabaudia ha celebrato San Sebastiano Martire. Una cerimonia congiunta tra i Comuni di Sabaudia e San Felice Circeo nella quale gli agenti di Polizia Locale hanno onorato il loro Santo Patrono rinnovando simbolicamente l’impegno che quotidianamente svolgono al servizio della comunità.

La Santa Messa, officiata da Don Marco, cappellano militare, si è svolta presso il Santuario di Santa Maria della Sorresca alla presenza del Comandante Leonardo Rognoni, in servizio presso i due Enti comunali, del sindaco di Sabaudia Giada Gervasi, accompagnata dal delegato alla sicurezza Saverio Minervini, e dal vicesindaco di San Felice Circeo Luigi Di Somma, in rappresentanza del primo cittadino Giuseppe Schiboni, accompagnato dall’assessore alla Polizia Locale Marco Di Prospero. Presenti anche i rappresentanti della Protezione Civile comunale.

“Vorrei ringraziare tutti gli agenti di Polizia Locale per l’enorme lavoro che quotidianamente svolgono per la tutela dell’intero territorio, soprattutto in questo anno funesto che li ha visti impegnati anche per fronte all’emergenza socio-sanitaria da Covid-19. Trovo giuste per l’occasione, le parole di Kennedy, che diceva: ‘Occorre compiere fino in fondo il proprio dovere, qualunque sia il sacrificio da sopportare, costi quel che costi, perché è in ciò che sta l’essenza della dignità umana’.”

La cerimonia si è svolta nel piazzale esterno della chiesa, nel pieno rispetto delle misure di contrasto e contenimento del Covid-19.

(Il Faro online)