Seguici su

Cerca nel sito

Il Setterosa al Preolimpico pareggia con l’Olanda. Gorlero: “Daremo tutto per Tokyo”

Un pareggio a Trieste dopo la vittoria sull’Ungheria. Le azzurre tornano in acqua domani sera

Trieste – Tutto rimandato a giovedì 22 gennaio. Finisce in parità 7-7, al termine di un match vibrante e giocato a ritmi alti, il confronto tra Italia e Olanda. Bello e combattivo il Setterosa che, protetto da una super Gorlero, va avanti con Marletta (7-6) a metà dell’ultimo quarto per poi venire ripreso da Sevenich a un minuto dal termine.

Giovedì, alle 18.00 in diretta su Rai Sport +HD, l’Italia affronterà la Slovacchia nell’ultimo impegno della prima fase; ma già conoscerà chi potrebbe trovare di fronte in semifinale se i quarti non regalassero sorprese. Alle 14 Ungheria e Grecia (in diretta su Rai Sport + HD) si giocheranno il primo posto dell’altro girone e a seguire dal confronto tra l’Olanda e la Francia le azzurre, che hanno battuto le transalpine con uno scarto di 13 gol, sapranno se chiuderanno il raggruppamento al primo o al secondo posto.

Olanda-Italia 7-7

Olanda: Koenders, Megens, Genee 1, Van Der Sloot 1, Wolves, Stomphorst, Rogge 1, Sevenich 1, Keuning, Koolhaas 1, Van Der Kraats 2, Sleeking, Willemsz. All. Havenga

Italia: Gorlero, Tabani 2, Garibotti, Avegno, Queirolo, Aiello, Marletta 2, Bianconi, Giustini 1, Palmieri 1, Chiappini 1, Viacava, Sparano. All. Zizza

Arbitri: Margeta (Slo) e Peris (Cro)

Note: parziali 2-1, 1-2, 3-3, 1-1. Uscita per limite di falli Queirolo (I) a 5’11 del terzo tempo. Superiorità numeriche: Olanda 4/11 e Italia 3/8. Willemsz (O) subentra a Koenders a inizio secondo tempo.

La partita. Il Setterosa comincia con Gorlero, Avegno, Bianconi, Queirolo, Palmieri, Marletta e Viacava. La fase di studio dura un minuto o poco più. Poi Marletta sfrutta la prima superiorità (1-0). Gorlero si oppone a Sleeking con un intervento tutto istinto, non ci riesce sul tiro dal centro di Koolhaas (extraplayer) e sul coast to coast di Van Der Kraats.

Nel secondo tempo l’Olanda cambia portiere: dentro Willemsz per Koenders. L’Italia fallisce la terza occasione (1/3) in superiorità numerica. Gorlero è strepitosa su Keuning e Wolves e propizia il pari di Palmieri (extraplayer), che spinge in rete una corta respinta su tiro di Garibotti. Aumentano i giri del match: rapido botta e risposta tra Rogge (superiorità) e Giustini (diagonale) per il 3-3 all’intervallo lungo.

Avvio bruciante di terzo periodo: Van der Sloot sfrutta la superiorità numerica e porta avanti nuovamente le orange (4-3); la saetta di Tabani dal perimetro è imprendibile per Willemsz (4-4); Genee (conclusione ravvicinata) fissa il (5-4). Non c’è un attimo di respiro in acqua. Chiappini si sblocca (posizione 4) e riporta il punteggio in parità (5-5); Van der Kraats imita l’italobrasiliana per il 6-5. Queirolo va fuori per limite di falli, ma il Setterosa risponde colpo su colpo: il contropiede sull’asse Gorlero, Chiappini (assist) e Tabani (finilizzatrice) è d’applausi e vale il 6-6 dopo tre quarti bellissimi di gara.

L’ultimo quarto si apre con un altro intervento superbo di Gorlero che ipnotizza Wolves. L’Italia torna avanti, dopo l’1-0 con una fiondata di Marletta ben servita da Garibotti (7-6). Aumenta la stanchezza in acqua. Sevenich (superiorità) punisce una piccola distrazione azzurra e fissa il 7-7 a un minuto dal termine poi Avegno non riesce a concretizzare l’ottava chance in extraplayer (3/8) a trenta secondi dalla fine. Finisce in parità.

Le parole del commissario tecnico Paolo Zizza. “Conoscevamo il valore dell’Olanda. Sono molto contento della prestazione delle ragazze: sono state attente in tutte le situazioni, usando anche la testa quando serviva. E’ stata una partita a scacchi contro un avversario di assoluto livello. Dobbiamo migliorare alcuni aspetti ma l’intensità mi è piaciuta. La squadra ha tenuto testa a un avversario molto fisico. Il risultato è giusto: mi dispiace per l’ultima superiorità che potevamo sfruttare meglio“.

Le parole di Claudia Marletta, premiata come migliore giocatrice della partita. “Abbiamo costruito tante belle azioni. Andiamo avanti a testa alta e già pensiamo alla partita di giovedì contro la Slovacchia: bisogna rimanere concentrate. Credo tantissimo in questo gruppo. C’è una bellissima atmosfera. Spero di continuare a dare il mio contributo“.

Le parole di Giulia Gorlero. “E’ stata la prima partita importante dopo un anno e abbiamo risposto nel migliore dei modi. Dobbiamo arrivare a sabato al massimo: sogniamo tutte le Olimpiadi; io la medaglia d’oro addirittura. Daremo tutto per arrivare a Tokyo“. (federnuoto.it)

Foto Andrea Staccioli/deepbluemedia.eu