Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Sanzioni Cio all’Italia, Giusy Versace: “Olimpiadi senza tricolore né bandiera: scenario tragico”

Si avvicina il 27 gennaio, giorno dell’Esecutivo del Cio a Losanna. Si attende un decreto legge che aggiusti la situazione del Coni

Roma – “Ho corso tante volte indossando la maglia dell’Italia, ho segnato record, vinto medaglie e sentito i brividi ascoltando il nostro inno… mi strazia il cuore anche solo l’idea che la decisione del CIO il prossimo 27 Gennaio possa mettere tutto questo in discussione.

Da atleta faccio un appello a tutti coloro che possono contribuire a trovare velocemente una soluzione per il bene dello #sport, il rispetto degli atleti e per la Nazione intera che non merita una sospensione tanto storica quanto ingiusta!“.

Dal proprio profilo Facebook, la parlamentare di Forza Italia Giusy Versace, che è anche una campionessa paralimpica finalista sui 200 metri a Rio 2016 e argento agli Europei, lancia un appello affinché Coni e Governo trovino una soluzione al problema che, se non risolto, rischia di ‘cancellare’ dai Giochi di Tokyo l’inno e la bandiera italiana.

Secondo la Versace (che è anche nipote del celebre stilista assassinato a Miami), sarebbe “uno scenario tragico e incommentabile che spero si possa seriamente scongiurare! Ci sono atleti che, anche durante la pandemia hanno investito tempo e soldi, che hanno sudato e combattuto per inseguire il sogno di #Tokyo2021. LORO NON LO MERITANO, L’ITALIA NON LO MERITA❤”.

Da ATLETA e con il cuore in mano, VI PREGO di mettere da parte ogni interesse personale – è la riflessione della deputata-campionessa – e di trovare un accordo per il rispetto che tutti noi meritiamo ma che, in particolare, meritano gli atleti che con l’azzurro sulle maglie e nel cuore, portano alto il nome DELL’ITALIA, del #TRICOLORE e dello SPORT“. (Ansa).