Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Meteo weekend: altro maltempo con burrasche di vento, grandine e neve previsioni

Previsioni meteo Italia e Lazio 22, 23 e 24 gennaio 2021

Più informazioni su

Previsioni meteo Italia

SITUAZIONE. Una vasta circolazione ciclonica rimarrà padrona di gran parte del continente europeo nel corso del prossimo weekend, centrata sul Nord Europa ma influenzando gli stati posti più a sud fino al Mediterraneo. Anche l’Italia risentirà dei suoi effetti, con il passaggio di almeno due perturbazioni pilotate da una saccatura che si scaverà fin sul Mediterraneo centrale. La prima perturbazione, giunta già venerdì al Nord e sul Tirreno, si sposterà sabato verso est sospinta da un intenso flusso occidentale che manterrà il tempo instabile su Nordest e tirreniche centro-meridionali, seppur con fenomeni in attenuazione in giornata. Altrove si assisterà ad una breve pausa, in attesa del sopraggiungere di un nuovo fronte entro la sera di sabato al Nordovest. Domenica interesserà Nordest, Sardegna e tirreniche con rovesci anche forti in sconfinamento all’Adriatico, seguito però da ampie schiarite in estensione dalle regioni occidentali.

METEO VENERDÌ 22 GENNAIO. Fenomeni deboli fino al mattino al Nord, mentre risulteranno già più intensi sul versante tirrenico, ovest Sardegna e Liguria con piogge e rovesci che si intensificheranno ulteriormente in giornata, divenendo temporaleschi tra Liguria e Toscana con possibili nubifragi e accumuli pluviometrici anche superiori ai 100mm entro fine giornata sull’Appennino Toscano, a tratti intensi anche su Umbria e Lazio. Sempre in giornata fenomeni in intensificazione al Nord con rovesci anche intensi tra est Piemonte, Lombardia, ovest Emilia, alto Triveneto e arco alpino in genere, con neve dai 1000m circa, ad eccezione del Piemonte dove cadranno ancora a quote collinari o fino in pianura sul Cuneese. Fenomeni più sporadici sull’Emilia orientale, tendenza ad attenuazione del maltempo in serata al Nordovest. Nuvoloso ma più asciutto su ioniche e adriatiche, salvo la tendenza a qualche pioggia in arrivo entro sera fin sulle coste tra Marche e Abruzzo. Neve sull’Appennino centro-settentrionale dai 1400/1700m. Venti forti da sud-sudovest con possibili mareggiate sulle coste esposte e raffiche di Garbino lungo l’Adriatico. Temperature in ulteriore lieve aumento al Sud e sull’Adriatico.

METEO SABATO 23 GENNAIO. Ampie schiarite al Nordovest in estensione a Lombardia ed Emilia in giornata, inizialmente instabile su Triveneto ed est Emilia con piogge e rovesci in attenuazione in giornata e con schiarite in avanzamento da ovest. Iniziale instabilità anche su Toscana, Umbria, Lazio, Campania, Calabria, specie tirrenica, e Sicilia orientale, con rovesci che tenderanno ad attenuarsi in giornata e con parziali schiarite in avanzamento dall’alto Tirreno. Neve sull’Appennino dai 1000/1200m. Più asciutto su adriatiche con schiarite anche ampie in giornata, salvo qualche pioggia fino al mattino sul Salento. Tra pomeriggio e sera peggiora su Alpi occidentali con neve dai 500m e piogge in estensione a ovest Sardegna, Levante Ligure e alta Toscana, per l’arrivo di un nuovo impulso perturbato atlantico. Venti tesi tra Ostro, Libeccio e Ponente con mareggiate sulle coste tirreniche e raffiche intense sull’Appennino. Temperature stabili o in lieve calo, clima mite sul versante adriatico e ionico per effetto dei venti di caduta appenninici e meridionali.

 

METEO DOMENICA 24 GENNAIO. La nuova perturbazione impegnerà Nordest, Emilia Romagna e Centro-Sud, specie versante tirrenico, con piogge anche intense e temporali su bassa Toscana, Lazio, Campania, in trasferimento a Calabria tirrenica e qualche rovescio fin sulla Sicilia, ma con fenomeni in contemporanea attenuazione da nord. Ampie schiarite in arrivo al Nordovest, in estensione a Lombardia, ovest Triveneto, Emilia, alta Toscana e Sardegna. Nuvoloso anche sulle adriatiche e ioniche ma con fenomeni più attenuati. Neve dagli 800/1000m sull’Appennino, al mattino dai 500m sulle Dolomiti friulane. Entro sera nuovo peggioramento sulle Alpi occidentali con deboli nevicate in arrivo. Venti forti tra Libeccio, Ponente e Maestrale con mareggiate sulle coste esposte.

Evoluzione meteo Lazio

VENERDI’: Insistono correnti di Libeccio sulle regioni del medio Tirreno, complici di diffuso maltempo, con nuvolosità estesa e piogge anche a carattere di rovescio che risulteranno maggiormente concentrate sulle aree interne ed appenniniche ove assumeranno anche carattere forte in particolare sulla Toscana; fenomeni piuttosto insistenti sulla Garfagnana e Lunigiana (70-95 mm). Anche reatino e Appennino frusinate godranno di cumulate pluviometriche rilevanti (40-60 mm). Temperature in aumento. Attenzione, venti in ulteriore netto rinforzo da Sud, raffiche serali maggiori di 80 km/h su coste toscane, tra 60 e 75 km/h su buona parte della Toscana, Umbria e alto Lazio. Prestare attenzione, localmente, anche dal punto di vista idraulico su alta Toscana e Appennino frusinate, ove i rii minore potrebbero subire temporaneo stress a causa della neve in fusione alle medie quote montane (restate aggiornati con gli enti di Protezione Civile preposti). Mare molto mosso (agitato nella nottata), con mareggiate possibili sulle coste esposte.

SABATO: ritroveremo condizioni di variabilità perturbata sul Lazio centro-meridionale, in particolare entro il primo pomeriggio; migliora tra Toscana, Umbria e medio-alto Lazio con radi piovaschi ma anche temporanee aperture, fatta eccezione per i settori toscani più settentrionali (Appennino, lucchesia e piana fiorentina) che risentiranno ancora di umide correnti con piogge sparse o locali moderati rovesci con accumuli specie per effetto stau sui rilievi. Ventilazione occidentale tra moderata e forte, con raffiche specie sulle aree costiere. Mare agitato, possibili mareggiate sulle coste laziali.

 

DOMENICA: condizioni nuovamente perturbate tra Toscana, Umbria e Lazio, con cumulate pluviometriche maggiori sull’alta Toscana e lungo la dorsale appenninica, sul basso Lazio, ma qualche rovescio più corposo anche tra alto viterbese e Amiata. Quota neve in Appennino prevista in calo sin verso i 1000-1300m. Mare da molto mosso a agitato.

Commento del previsore Lazio

Nuovo peggioramento delle condizioni meteo da metà settimana sulle regioni del medio Tirreno, per l’ ingresso di umide ma più miti correnti di Libeccio, che saranno accompagnate da piogge sparse e locali rovesci, in particolare sull’alta Toscana con piogge insistenti sulla Lunigiana e Garfagnana (possibili locali criticità idrauliche), e sulle aree interne ed appenniniche di Umbria e Lazio. Il tutto sarà accompagnato da un aumento delle temperature e da un netto rinforzo dei venti dai quadranti meridionali (raffiche superiori a 70-80 km/h). Quota neve in rialzo con nevicate solo a quote di medio-alta montagna. Seguirà un weekend dallo scenario piuttosto invariato con molte nubi e piogge a tratti, caleranno le temperature in quota e conseguentemente la quota neve in Appennino. Lunedì possibile qualche fiocco in alta collina sulle aree prospicienti l’Appennino.
Fonte: 3B Meteo

Più informazioni su