Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Non si ferma all’alt e scatta l’inseguimento sulla Tiburtina: arrestato pusher di Anzio

Nel lussuoso Suv il pusher di Anzio nascondeva 13 kg di hashish e circa 6000 euro in contanti

Roma – L’uomo, alla guida di un lussuoso Suv, è stato notato da una pattuglia dei Carabinieri della Stazione di Settecamini, impegnata in un normale controllo della circolazione stradale, che gli ha imposto l’alt per controllarlo.

Sembrava tutto procedere regolarmente quando, alla richiesta dei documenti, il 53enne di Anzio, già noto alle forze dell’ordine, ha ingranato la marcia e si è dato alla fuga sulla Tiburtina, quasi investendo il militare che lo stava controllando.

Subito è scattato l’allarme alla Centrale Operativa e la caccia all’uomo che, grazie all’intervento delle numerose pattuglie dei Carabinieri della Compagnia di Tivoli, fatte convergere in zona, la fuga si è conclusa poco dopo, in una via limitrofa all’imbocco del Grande Raccordo Anulare.

Messo in sicurezza il fuggitivo, i Carabinieri hanno scoperto il motivo della fuga: a bordo del veicolo, infatti, hanno rinvenuto una busta con 13 kg di hashish e circa 6000 euro in contanti, ritenuto il provento dell’attività di spaccio.

Lo stupefacente, che se immesso sul mercato avrebbe fruttato più di 70.000 euro, è stato sequestrato per poi essere distrutto, mentre il 53enne è stato arrestato e al termine del rito direttissimo è stato sottoposto agli arresti domiciliari.

Per dovere di cronaca, e a tutela di chi è indagato, ricordiamo che un’accusa non equivale a una condanna, che le prove si formano in Tribunale e che l’ordinamento giudiziario italiano prevede comunque tre gradi di giudizio.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Anzio
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Anzio