Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Farmacisti in Aiuto: una sfida solidale da locale a globale

Il Presidente Tullio Dariol: "E' fondamentale mantenere in attività sia progetti solidali sul nostro territorio, sia dall’altra parte del mondo"

Fare qualcosa per gli altri con ogni forma di aiuto possibile. E’ questa la filosofia che Farmacisti in Aiuto porta avanti da sempre. I gesti solidali di chi ha a cuore il benessere delle categorie più fragili e di chi versa in condizioni di estrema povertà, sono il motore di tutte le iniziative portate avanti dalla Onlus, che si impegna a donare solidarietà non solo a livello locale, ma anche a livello globale.

La sfida intrapresa dai volontari di Farmacisti in Aiuto è proprio questa: scoprire che ci sono sempre più persone disposte ad aiutare e tramutare questi aiuti in azioni solidali concrete. Sono tanti, infatti, i progetti che la Onlus ha attivato sia sul territorio di Fiumicino, che in India e sono molte le persone che permettono la continuità di queste iniziative, grazie al loro prezioso contributo:

“Considerando il critico periodo che tutti noi stiamo vivendo – dichiara Tullio Dariol, presidente di Farmacisti in Aiuto – è fondamentale mantenere in attività sia progetti solidali sul nostro territorio, sia dall’altra parte del mondo. Così facendo, anche con piccolissimi gesti, chiunque può contribuire a regalare una speranza di vita migliore a chi è meno fortunato di noi”.

“Con i soldi raccolti attraverso il progetto  ‘Non fiori ma opere di bene’ ad esempio, si va ad incrementare  il progetto ‘Fondo di Solidarietà’, – spiega il Presidente – con cui è possibile sostenere persone e famiglie in difficoltà che vivono nel Comune di Fiumicino. Chi decide di contribuire, può scegliere se destinare la propria donazione all’acquisto di beni di prima necessità, permettendo di ‘fare la spesa’ a chi non può; all’acquisto di materiale scolastico per gli studenti di tutti gli ordini e gradi; oppure all’acquisto di voucher per effettuare visite mediche specialistiche o esami clinici urgenti. Con il progetto ‘Un centesimo per una vita’, invece, nella città sono sparsi alcuni salvadanai di Farmacisti in Aiuto, per raccogliere donazioni finalizzate all’acquisto di defibrillatori che poi verranno posizionati in vari punti strategici.

Per quanto riguarda i progetti in India, con ‘Sostegno a distanza’ si possono aiutare bambini e le loro famiglie che vivono in condizioni di ingente povertà, con ‘Colazione in asilo’  si donano pasti ai bambini che non possono permettersi il pasto principale della giornata, oppure aderendo ad altri nostri progetti”.

“Che si tratti di solidarietà a livello locale o globale – conclude Tullio Dariol – Il fine delle azioni solidali è sempre lo stesso: aiutare il prossimo e collaborare con i più bisognosi per favorire il loro progresso sociale e rendere le loro condizioni di vita migliori”.

Per avere ulteriori informazioni, contribuire o sostenere in altro modo i nostri progetti, vi invitiamo a visitare il nostro sito www.farmacistiinaiuto.org, la nostra pagina Facebook /FarmacistiinaiutoOnlus , la nostra pagina sul quotidiano online “Il Faro”, a contattarci via mail  segreteria@farmacistiinaiuto.org oppure contattare la nostra segreteria al 346-4360567