Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Manufatti abusivi, il Comune di Terracina non fa sconti: “Vanno demoliti”

Nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche è stato inserito apposito capitolo di oltre 150mila euro per le operazioni di demolizione

Terracina – Il Comune di Terracina ha avviato il piano delle demolizioni di manufatti abusivi. Un procedimento in merito al quale il vicesindaco Pierpaolo Marcuzzi ha dichiarato: “Nessuno deve poter contare sull’inerzia della Pubblica Amministrazione. Sono stati inoltrati gli inviti a provvedere in maniera autonoma, altrimenti interverrà il Comune in danno.

La rimozione degli abusi è un dovere della Pubblica Amministrazione e deve essere portata a termine anche se l’edificio esiste da molto tempo.

Il Comune non ha bisogno di inviare un preavviso per ordinare la demolizione di un edificio abusivo”.

Il vicesindaco ha chiarito ulteriormente: “A Terracina, grazie alla sinergia tra il Settore Vigilanza e i Lavori Pubblici del collega Danilo Zomparelli, abbiamo inoltrato dei solleciti per invitare chi ha commesso abusi a provvedere alla demolizione degli stessi in maniera autonoma, altrimenti, nel giro di poche settimane, lo farà il Comune.

Oltre alle lettere con le ordinanze di demolizione già inviate – ha proseguito Marcuzzi -, pubblicheremo sul sito comunale i prossimi interventi di demolizione, citando il numero di fascicolo e la zona in cui insiste l’abuso oggetto di demolizione, ovviamente omettendo l’inserimento di dati sensibili.

Sappiamo tutti che l’ordine di demolizione è un atto dovuto e vincolato che non necessita di alcuna motivazione aggiuntiva.

L’unico presupposto dell’ordine di demolizione è, infatti, l’aver accertato la presenza di opere abusive. Vogliamo evitare che chi commette un abuso edilizio, non possa fare affidamento sull’inerzia della Pubblica Amministrazione. Il tempo trascorso tra la realizzazione dell’opera abusiva e la conclusione dell’iter sanzionatorio non ha alcuna rilevanza e non può far diventare legittimo un manufatto costruito senza permessi”.

Il vicesindaco ha continuato specificando quali sono stati gli impegni assunti e compiuti dall’amministrazione comunale sugli abusi edilizi. “A Terracina – ha detto – abbiamo lavorato su molti Regolamenti che consentono di poter ottenere i titoli edilizi come prevedono le normative regionali, abbiano accelerato l’iter per completare le istruttorie dei condoni edilizi e avere un quadro chiaro su quali immobili sono legittimi nel nostro Comune. Su circa 14mila richieste di condoni arrivate dal 1985 al 2003, ne sono rimaste inevase circa 4mila.

Dopo tutto quello che abbiamo messo in campo oggi non possiamo essere morbidi con chi ha commesso abusi non sanabili.

Nel Piano Triennale delle Opere Pubbliche, che sarà approvato tra qualche settimana, abbiamo inserito nell’apposito capitolo oltre 150mila euro per iniziare le operazioni di demolizione in danno degli abusi edilizi.

In sinergia con l’assessorato ai Lavori Pubblici, partiremo con tutte quelle ordinanze riferite ad immobili in cui non ci sono residenze, poi a seguire tutto il resto”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Terracina
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Terracin