Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ostia Antica, abbattuti i pini secolari: residenti sul piede di guerra foto

L'allarme si è scatenato sui social, dove i residenti stanno protestando da ore nei vari gruppi di Ostia

Ostia – Sono stati abbattuti 14 pini storici sulla via della Stazione di Ostia Antica. Gli alberi secolari di tipo “Pinus Pinea” che adornavano il paesaggio sono stati tagliati nella giornata di ieri. Un provvedimento che ha fatto infuriare i cittadini di Ostia e il mondo politico del X Municipio.

L’allarme si è scatenato sui social, dove i residenti stanno protestando da ore commentando nei vari gruppi di Ostia: “vergognoso”, “devastato il patrimonio erboreo”, e ancora “uno scandalo”.

Pd Ama: “Un intervento scellerato”

“Uno scioccante scenario si è aperto nelle ultime ore sulla via di ingresso ad Ostia Antica per chi viene dalla stazione del treno”. Si legge in una nota stampa di Flavio Vocaturo e Valentina Scarfagna del circolo Pd Ama.

“L’abbattimento impietoso di 14 pini storici in via della Stazione di Ostia Antica ha portato ad un desolante cambiamento del meraviglioso paesaggio che da anni aspettava un riordino e una riqualificazione, non certo uno scellerato intervento di eliminazione di alberi ad alto fusto senza un criterio”.

“La totale mancanza di qualsivoglia sensibilità – proseguono – di questa amministrazione verso il connubio tra la natura e il senso storico di una comunità lascia assolutamente senza parole centinaia di cittadini che non possono accettare, che in nome di una presunta funzionalità, si rinunci al fondamentale valore del patrimonio storico naturalistico proprio del litorale romano”.

“Soprattutto in quello che è il corridoio naturale fra la stazione e l’ingresso del Parco Archeologico di Ostia Antica non si può tollerare così tanta mancanza di visione d’insieme fra natura, arte, storicità, tradizione e cultura”.

“Come annunciato da mesi – concludono -, quel tratto di strada deve rientrare nel progetto di isola ambientale, non si capisce, dunque, come avrebbero potuto dare tanto fastidio a chi ha preso questa decisione distruttiva, degli alberi che al massimo avrebbero intralciato la viabilità e il traffico carrabile, non certo delle camminate all’ombra“.

Barillari: “Ci sono tutte le autorizzazioni all’abbattimento”

“I cittadini di Ostia Antica mi stanno sommergendo di telefonate per l’abbattimento dei 14 pini secolari. Ho letto la delibera 89408, e sto cercando di contattare l’assessore Ieva per spiegazioni”. E’ quanto si legge in un post del consigliere regionale Davide Barillari.

“Il problema – scrive su Facebook il Consigliere – è che sembra ci siano tutte le autorizzazioni all’abbattimento degli alberi storici che regalano bellezza a chi arriva ad Ostia Antica con la metro, autorizzazioni che sono state rilasciate in merito al progetto di riqualificazione della via che risale al 2019, con il nuovo manto stradale pedonale e la piantumazioni di nuovi pini. Ci sono le autorizzazioni del Comune e del Parco Archeologico”.

La strada è rimasta chiusa forse per 3 o 4 anni, senza che nessuno ne sapesse il motivo. Ieri mi sono fermato a parlare con gli operai che stanno distruggendo tutti gli alberi, uno dopo l’altro: dicono che esistono problemi di staticità (le radici hanno rovinato la strada e non si riusciva più a passare in macchina, falso) e alcuni sono marci.

Ma da quello che hanno tagliato – prosegue -, si vede benissimo che non tutti sono malati o storti, molti dei 14 pini stanno benissimo, quindi non c’era alcuna esigenza di distruggere tutto. Sono alberi molto vecchi, e rappresentano una bellissima e unica cartolina di benvenuto per i turisti che vengono a visitare gli scavi.

Rivedremo gli stessi pini con quella grandezza fra 60 anni! Ma so già che Ieva mi risponderà che ne vale la pena: sarà la stessa cosa con una bella strada nuova ma con alberelli alti un metro e mezzo? Si possono abbattere pini storici rimpiazzandoli con giovani piantine? Se il comune, il municipio e il parco dicono di si, la nostra comunità dice di no. Non mi risulta che ci sia stata un’assemblea pubblica per discuterne.

Non è la stessa cosa, un pino di 60 anni maestoso e che caratterizza il nostro paese, il borgo e il castello, e un giovane alberello appena piantato. Solo i nostri figli, da vecchi, vedranno gli stessi pini che vediamo noi oggi, ma noi non li vedremo più per tutto il resto della nostra vita.

Il progetto è stato pensato tenendo conto del valore storico degli alberi e della bellezza della via che conduce i turisti dalla stazione agli scavi? Si poteva, invece che ricementificare o piastrellare tutta la strada, lasciare i pini nel verde, lasciando un semplice sentiero verso gli scavi e costruendo la strada pensando a loro e non agli interessi ed alla comodità dell’uomo?

Le radici – conclude Barillari – dei pini non sarebbero state un problema, e nemmeno la staticità, con adeguate soluzioni per mantenere la sicurezza per le case della via. Qualcuno ci ha pensato?”

Sinistra Italiana X Municipio: “Uno sfregio sul volto di Ostia Antica”

“E’ datata giugno 2018 l’istituzione di disciplina traffico provvisoria con divieto di transito in Via della Stazione di Ostia Antica, eccetto traffico locale, a causa del dissesto del manto stradale. In quasi 3 anni nessuno si è occupato di questa piccola quanto importante strada di collegamento fra la Stazione di Ostia Antica e il centro abitato”. Così in una nota Marco Possanzini, Segretario di Sinistra Italiana X Municipio.

Quasi 3 anni senza muovere un dito salvo poi avviare le motoseghe per abbattere 14 pini storici presenti lungo questo breve quanto meraviglioso tratto di strada. Se erano alberi a rischio crollo, come qualcuno racconta, perché per più di 3 lunghi anni nessuno si è preoccupato di mettere in sicurezza quegli alberi evitando possibili tragedie? Se non erano alberi a rischio crollo, visto che per 3 anni l’amministrazione se ne è completamente disinteressata, perché oggi si dà mano alle motoseghe per abbattere 14 pini storici del nostro territorio? Perché non si è cercato di salvaguardare questi pini invece di procedere all’abbattimento?

Nelle autorizzazioni si parla di riqualificazione ambientale e di “sostituzione” di esemplari di Pinus pinea ma del piano di riqualificazione e sostituzione nessuno sa nulla, nessuno ne parla. Non va dimenticato che l’area in questione ricade all’interno della Riserva Naturale Statale del Litorale Romano, più specificatamente siamo in area di tipo 1 è cioè un’area di rilevante interesse naturalistico, paesaggistico e culturale con limitato grado di antropizzazione.

Perché invece di preservare queste alberature si è deciso di abbatterle senza passare dal via? Sono tutte domande a cui questa Amministrazione dovrebbe rispondere puntualmente invece di far finta di nulla. Proprio per l’alto valore culturale, storico ed ambientale, quel tratto di strada che si affaccia sul Castello di Giulio II e sul Parco dei Ravennati doveva essere caratterizzato dal progetto per la realizzazione di un’isola ambientale.

Diventa quindi ancor più incomprensibile – continua Sinistra Italiana – la scelta di abbattere dei pini secolari, storici, che potevano semplicemente essere messi in sicurezza e rimanere quindi patrimonio ambientale della città. Chi scende dal treno Roma Lido e decide di recarsi agli scavi di Ostia Antica o semplicemente decide di recarsi a prendere l’autobus per entrare nel centro abitato, sempre ammesso che abbia la fortuna di poter attraversare il ponte perdonale di Ostia Antica e cioè una mostruosa barriera architettonica in acciaio, si troverà davanti un paesaggio agghiacciante, spettrale, fatto di mozziconi di alberi abbattuti.

L’Amministrazione in carica sceglie di disinteressarsi delle barriere architettoniche presenti nella Stazione di Ostia Antica, nonostante una sentenza di condanna a seguito della denuncia dell’Associazione Luca Coscioni, e di armare le motoseghe per abbattere un pezzo del nostro patrimonio ambientale.

Faremo accesso agli atti per portare nelle sedi competenti tutti i nostri rilievi – conclude – relativamente a questo feroce abbattimento di alberature operato all’interno di una delle aree più belle del mondo: Ostia Antica. L’ennesimo sfregio sul volto di Ostia Antica, speriamo sia anche l’ultimo”.

Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ostia X Municipio
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Ostia X Municipio