Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Il M5S di Tarquinia: “Investire subito nell’energia pulita”

"Abbiamo presentato una mozione per promuovere le forme di autoproduzione collettiva per dare una grande opportunità economica ai tarquiniesi"

Più informazioni su

Tarquinia – “Dario Tamburrano, europarlamentare del M5S, nel 2018 è stato co-protagonista di una vittoria storica al Parlamento Europeo nei confronti delle lobby energetiche, riuscendo a far approvare la direttiva che consente a gruppi di cittadini l’autoproduzione e l’autoconsumo di elettricità da fonti Fer (rinnovabile per lo più fotovoltaica), prima preclusa”. Inizia così una nota diffusa dal Movimento 5 Stelle di Tarquinia.

“Nel 2020 l’Italia – continuano – ha parzialmente recepito la direttiva ed emanato una legge che favorisce con corposi incentivi sia l’autoproduzione collettiva dell’energia all’interno dello stesso fabbricato, sia le comunità energetiche tra residenti in fabbricati diversi a condizione che i membri della comunità e gli impianti fotovoltaici risultino connessi alla stessa cabina di trasformazione. In molte città italiane i Consigli comunali hanno già deliberato per agevolare la diffusione dell’autoproduzione e dell’autoconsumo di elettricità pulita per una serie di vantaggi a favore dei cittadini: l’autoproduzione è incentivata e con un buon progetto si azzerano le bollette; l’autoproduzione è abbinabile con l’ecobonus 110%; i Comuni possono partecipare all’autoproduzione collettiva per poi usare la propria quota di energia a sostegno di famiglie colpite da ‘povertà energetica’”.

“Il M5S Tarquinia, tramite il consigliere Andrea Andrean,i ha presentato una mozione all’ultimo Consiglio comunale perché anche il nostro Comune promuova le forme di autoproduzione collettiva per dare una grande opportunità economica ai tarquiniesi e al tempo stesso lottare contro i cambiamenti climatici. Per promuovere la diffusione delle comunità energetiche è essenziale il ruolo degli enti locali anche per informare e rimuovere convinzioni non vere, come quella che nel centro storico non si possano installare impianti fotovoltaici a causa dei vincoli, mentre una tale preclusione riguarda solo le coperture a tetto inclinato”.

“Il problema in questo caso si supera utilizzando le coperture piane con i pannelli fotovoltaici posizionati in modo che non si vedano da spazi pubblici. Il sindaco Giulivi ha espresso un’ingiustificata e immotivata avversione alla mozione; la maggioranza che lo sostiene invece, intelligentemente, ha chiesto tempo per informarsi meglio. Il consigliere Andreani ha accettato di discuterne in commissione ma occorre celerità per non far perdere ai cittadini di Tarquinia i significativi incentivi economici che si ottengono oggi tramite l’autoproduzione collettiva Fer, poiché le attuali e particolarmente convenienti misure a sostegno verranno tolte dopo il recepimento integrale della direttiva europea”, concludono.
Il Faro online – Clicca qui per leggere tutte le notizie di Tarquinia
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Tarquinia

Più informazioni su