Seguici su

Cerca nel sito

Latina, dalla Regione 40mila euro per aiutare gli alunni disabili in Dad e Ddi

L'assessore Proietti: "Ancora una volta vogliamo offrire alle scuole tutto il sostegno necessario per affrontare un anno scolastico difficile e rischioso per tutti gli effetti della pandemia"

Latina – La Regione Lazio con determinazione n. G15551/2020 ha assegnato al Comune di Latina un contributo da destinare all’acquisto di materiali e servizi idonei ad agevolare la didattica a distanza e la didattica digitale integrata da parte degli alunni con disabilità certificata (L. 104/1992) residenti nel Comune di Latina e frequentanti le scuole statali e paritarie di ogni ordine e grado (infanzia, primaria, scuola secondaria di primo e secondo grado) e i Centri di formazione professionale (dal primo al terzo anno, escluso il quarto anno).

L’Amministrazione comunale di Latina, dopo una chiara interlocuzione con la Regione e nel limite delle risorse disponibili pari a 40mila euro, ha voluto erogare tale contributo alle scuole, riconoscendone il ruolo di osservatorio privilegiato e autorevole nell’individuazione delle effettive esigenze. Quanto acquistato ed eventualmente concesso in comodato d’uso gratuito agli studenti, rimarrà nel patrimonio scolastico e potrà essere utilizzato anche nei prossimi anni per altri studenti.

“Ancora una volta – dichiara l’Assessore alla Pubblica Istruzione Gianmarco Proietti – vogliamo offrire alle scuole tutto il sostegno necessario per affrontare un anno scolastico difficile e rischioso per tutti gli effetti della pandemia. Sappiamo che sostenere le attività delle scuole implica dovere sostenere effettivamente i bambini e i ragazzi e le loro famiglie. La pandemia ha generato anche una sofferenza tra gli studenti e soprattutto tra gli studenti disabili, che hanno subìto il digital divide più di ogni altra categoria sociale. Grazie alla Regione Lazio e all’attenta rimodulazione da parte dell’Amministrazione, oggi diamo un altro sostegno alle scuole per aiutare gli studenti e le loro famiglie”.