Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Ardea, mancanza di requisiti e autorizzazioni: chiuse 4 attività in un giorno

I controlli della Polizia Locale di Ardea hanno portato alla pubblicazione di 4 ordinanze di chiusura immediata per alcune attività del territorio

Ardea – Quattro esercizi commerciali chiusi in un giorno: è il bilancio dei controlli a tappeto effettuati dalla Polizia Locale di Ardea, coordinata dal Comandante Sergio Ierace. Le ispezioni hanno portato alla pubblicazione in albo pretorio di quattro ordinanze di chiusura immediatamente eseguibili.

Un negozio di noleggio auto e moto di via Severiana, un ristorante di via Lecce, un negozio di commercio all’ingrosso di pellet e prodotti per animali in via Laurentina e una tintolavanderia in via Ovile della Castagnetta: queste la attività chiuse in seguito ai controlli dei caschi bianchi.

Il negozio di noleggio auto e moto, chiuso con l’ordinanza dirigenziale n.22 del 18 febbraio 2021, non aveva il né il titolo abilitativo né il certificato di agibilità dei locali. Inoltre, “l’esercizio dell’attività ricade, sia in un’area del territorio del comune di Ardea Gravata da Uso civico, nonché, in zona di Prg ‘E’ agricola soggetta a vincolo paesaggistico“. La Polizia Locale ha effettuato a carico dell’attività, una sanzione amministrativa per la “violazione dell’art.23 co.4 e 11 del Codice della strada per aver installato insegne e cartelli pubblicitari senza la prescritta autorizzazione”. Per quest’attività il dirigente ha ordinato “la cessazione immediata dell’attività Commerciale di noleggio auto e moto anche online”;

Stessa sorte per il negozio di commercio all’ingrosso di pellet e prodotti per animali: anche qui gli agenti hanno appurato la mancanza del certificato di agibilità dei locali, del titolo abilitativo e l’installazione di insegne e cartelli pubblicitari senza autorizzazione. Anche questa attività ricadeva in un’area del territorio del comune di Ardea gravata da uso civico e in una zona soggetta a vincolo paesaggistico.

Il ristorante di via Lecce, chiuso con ordinanza n.27 del 18 febbraio 2021, secondo quanto riportato nel documento non aveva i “requisiti minimi indispensabili, quali l’agibilità e la destinazione d’uso dei locali” nonché il certificato di agibilità.

La tintolavanderia era aperta nonostante l'”assenza del titolo abilitativo” e “senza aver presentato alcuna Scia di subingresso”, pertanto è stata chiusa con ordinanza n.26 del 18 febbraio 2021.

Tutte le attività potranno presentare ricorso entro 60 giorni dalla notifica del provvedimento al tribunale amministrativo regionale nei termini e nei modi previsti dall’art. 02 e seguenti della legge 06 dicembre 1971, n.1034; entro 120 giorni dalla notifica del provvedimento al Presidente della Repubblica, nei termini e nei modi previsti dall’art.8 e seguenti del D.P.R. 24 novembre 1971, n.1199.

Il Faro online –Clicca qui per leggere tutte le notizie di Ardea
Clicca qui per iscriverti al canale Telegram, solo notizie di Ardea