Quantcast

Seguici su

Cerca nel sito

Covid Usa, la Johnson & Johnson è pronta a fornire vaccini per 20 milioni di persone

Dopo il via libera finale dell'Eua, la J&J si dichiara pronta a distribuire le dosi negli Stati Uniti entro marzo 2021

Washington – “Siamo estremamente grati” agli esperti dell’agenzia statunitense Fda “per l’ampia revisione dei dati che supportano l’uso di emergenza del candidato vaccino anti-Covid monodose di Johnson & Johnson. Riteniamo che abbia il potenziale per aiutare a cambiare la traiettoria della pandemia e siamo pronti a renderlo disponibile per proteggere le persone il prima possibile”. Così Paul Stoffels, direttore scientifico di Johnson & Johnson, commenta l’ultimo passo avanti dell’iter Fda, cioè il voto “all’unanimità” da parte del comitato consultivo dell’ente Usa per la raccomandazione ad autorizzare l’uso di emergenza (Eua) del vaccino J&J, sviluppato da Janssen, per la popolazione da 18 anni in su.

Il passo successivo del processo è il via libera finale, cioè che la Fda decida se concedere l’Eua, in linea con la raccomandazione del comitato consultivo. Dopo verrà fornita dagli esperti dei Cdc, i centri statunitensi per la prevenzione e il controllo delle malattie, una raccomandazione sull’uso e il lancio del vaccino. J&J, si legge in una nota dell’azienda, “è pronta a fornire il suo vaccino immediatamente dopo l’Eua e prevede di consegnare un numero sufficiente di dosi entro la fine di marzo per consentire la vaccinazione completa di oltre 20 milioni di persone negli Stati Uniti.

La società prevede di fornire 100 milioni di vaccini monodose agli Stati Uniti durante la prima metà del 2021. Dall’azienda è stato espresso un ringraziamento anche a chi ha contribuito all’impresa di mettere insieme i dati necessari che sono stati presentati, dai ricercatori ai partecipanti allo studio.
(Fonte: Adkronos)